Dall’allerta massima per l’emergenza coronavirus alla retromarcia, nel giro di pochi giorni, sotto le pressioni del mondo produttivo del Nord-Est. Anche il presidente leghista del Veneto Luca Zaia si è affrettato a cambiare strategia per evitare l’effetto “boomerang”, preoccupato dalle accuse di decisioni depressive da un punto di vista economico e sociale. E allora ha attaccato quella che ha definito “pandemia mediatica” e “psicosi internazionale”, parlando di un’epidemia amplificata se non addirittura inventata dai mezzi di comunicazione di massa. Il tutto mentre, intervistato da Antenna Tre Nord Est, scivolava sulla frase “abbiamo visto i cinesi mangiare i topi vivi o cose del genere”, aprendo un caso internazionale di cui ha dovuto scusarsi.

Quando venerdi 21 febbraio si verificano i primi casi sospetti a Vo’ Euganeo, con il decesso di un pensionato nell’ospedale di Schiavonia, il governatore convoca immediatamente l’Unità di crisi a Padova. Dichiara che si è pronti a fare i tamponi a tutti i cittadini e che la “vicenda non è da prendere sottogamba”. Parole precise: “Noi siamo molto preoccupati anche perché questo virus è un virus maledetto e assolutamente problematico, sorprende ora dopo ora”. Ecco spuntare l’annuncio di un cordone sanitario e di tamponi a tutti: “Abbiamo deciso in via preventiva di far fare il tampone a tutti i cittadini di Vo’ e a tutti coloro che si presenteranno in tutto il Veneto nei ricoveri ospedalieri con sintomi influenzali importanti”.

L’allarme continua anche sabato e domenica, mentre spuntano nuovi casi nel Veneziano. Zaia annuncia che saranno vietate “tutte le forme di aggregazione” e che saranno chiuse le scuole. “Chiediamo comprensione e collaborazione di tutti i cittadini, non è un momento facile. Il virus ha una bassa letalità, ma può essere drammatico su persone che hanno già altre patologie”. Poi l’ordinanza ministeriale, ma che Zaia rivendica di essere stata messa a punto su sua proposta. Chiusi anche cinema, teatri, chiese e biblioteche. “E’ un provvedimento duro, ma non possiamo permetterci nulla”. E siccome per tutti è il governatore delle emergenze, dalle alluvioni al Vaia, alle acque alte dello scorso autunno, una sua frase non può passare inosservata: “Questa è la vicenda più grave che mi sono trovato ad affrontare”. E nelle interviste dichiara ancora: “Il virus non ha colori politici. Siamo in guerra, in Veneto come a Roma. E al momento non c’è altro rimedio che isolare i focolai”. Chiede pazienza ai cittadini che, secondo lui, “mi conoscono, sanno che non è la prima volta che prendo provvedimenti impopolari, ma sanno che lo faccio per il bene comune”.

Si bloccano tutte le feste e anche il Carnevale di Venezia deve alzare bandiera bianca, seppure soltanto alla sera di domenica 23 febbraio. Poi scoppia l’emergenza nell’ospedale di Treviso, con il secondo decesso e la chiusura del reparto di Geriatria. E Zaia adombra perfino restrizioni maggiori.

Poi però accade qualcosa. Gli imprenditori cominciano a dichiarare che le misure stanno uccidendo l’economia, sono la premessa di una recessione senza precedenti. Ecco che Zaia comincia a cambiare linea, la colpa degli effetti depressivi non è delle misure adottate dalle autorità, ma di giornali e televisioni: “Questa è una pandemia mediatica. Il coronavirus paga anche un danno mediatico. Perché è vero che dopo pochi minuti dalla scoperta dei primi due casi in Veneto, già eravamo in tutte le homepage dei più grossi quotidiani a livello internazionale”. Comincia ad ammettere, riferendosi all’aumento dei casi scoperti: “Forse siamo stati troppo diligenti: chi cerca trova e chi non cerca non trova”. E ancora: “Se si ferma il pil del Veneto, si ferma l’Italia”. Fino all’annuncio di voler riaprire le scuole. Così, se il ministro deciderà diversamente, la colpa ricadrà sul governo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caro studente, tutti spiegano come proteggere il corpo dal virus. A me sta a cuore la tua mente

next
Articolo Successivo

Coronavirus, fare lezione in streaming? Già li sento i miei studenti: ‘Prof, ho finito i giga!’

next