Sarà il consiglio dei ministri a decidere sulle chiusure – dalle scuole ai musei – nelle regioni in cui si sono sviluppati i focolai dell’epidemia di coronavirus. Intanto il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, ha annunciato le misure per arginare le conseguenze economiche. Nell’ottavo giorno di emergenza coronavirus la Regione Lombardia, che fino ad oggi ha avuto il numero più alto di contagi, fa il punto sulla diffusione e sulle possibili ripercussioni sul sistema sanitario chiedendo di prorogare l’ordinanza di chiusura delle scuole e dei locali e la quarantena per i paesi del Lodigiano: “La diffusione del virus è ancora circoscritta e l’incidenza è alta in alcune aree pari a circa al 4% della popolazione regionale – si legge in una nota – Nelle zone ad alta incidenza gli ospedali hanno dovuto affrontare situazioni emergenziali sia per l’elevato numero di casi, sia perché l’11% delle positività riguarda operatori sanitari. Se la diffusione si estende, gli ospedali andranno in grave crisi non solo per i ricoveri da coronavirus ma per tutti i pazienti”.

In mattinata, il governatore Fontana ha parlato di una nuova emergenza nel Lodigiano: “Nel pomeriggio di ieri c’è stata un affollamento di ricoveri: 51 ricoveri gravi di cui 17 in terapia intensiva. Lodi non ha un numero sufficiente di camere di terapia intensiva per cui sono stati trasferiti in altre terapie intensive”. Nel pomeriggio la questione dei posti disponibili in ospedale è stata sollevata anche durante la conferenza stampa alla Regione Lombardia: il professor Massimo Galli, infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano, ha detto che gli ospedali lombardi, sovraccaricati dall’epidemia, sono “ai limiti della tenuta”. Dall’ospedale di Lodi hanno fatto sapere in serata che con il trasferimento di alcuni pazienti al Niguarda la situazione è tornata alla normalità.

Secondo l’ultimo bollettino diffuso in serata dal commissario straordinario, Angelo Borrelli, sono oltre 821 i casi di contagio nel Paese, di cui più di 380 sono già stati verificati dall’Istituto Superiore di Sanità. Per gli altri bisognerà attendere ancora affinché l’Istituto effettui la doppia verifica, necessaria per comunicare il dato all’Oms. Degli 821 casi, precisa Borrelli, 345 sono in ospedale con sintomi e 67 in terapia intensiva. Ancora una volta però, fanno notare i giornalisti in conferenza stampa, non tornano i dati: l’assessore lombardo Gallera, pochi minuti prima, aveva parlato di 85 ricoverati in terapia intensiva nella sola Regione Lombardia. Le vittime in totale sono 21, ma, precisa Borrelli, i 4 nuovi deceduti sono tutti anziani e “il coronavirus è intervenuto in un quadro clinico già complicato”. Dal Lazio è arrivata la notizia di una donna di Fiumicino risultata positiva.

Aumenta anche il numero dei guariti: sono 40 in Lombardia, 46 in tutto il Paese. Analizzando la situazione tra le regioni più colpite, il maggior numero di casi si è registrato in Lombardia (531 casi, contando anche i 17 deceduti e i 40 guariti), seguita poi dal Veneto (151 casi), Emilia-Romagna (145 casi), Liguria (19), Sicilia (4) e altre regioni con un numero inferiore di casi: gli ultimi due positivi in Umbria. Da oggi cambia anche la strategia di rilevazione: i tamponi saranno effettuati solo a chi mostra sintomi. I dati sul contagio sono infatti diventati un caso e hanno provocato frizioni tra Roma e le regioni in cui si segnalano positività.

L’Italia non si ferma, volgiamo lo sguardo al domani, sempre più determinati a far correre l’economia. Questo vale per tutta l’Italia. Dobbiamo moltiplicare le nostre energie. Insieme ce la faremo” ha scritto il premier Giuseppe Conte su Facebook pubblicando le immagini di un video collegamento avvenuto oggi pomeriggio con alcuni sindaci e famiglie del lodigiano.

CRONACA ORA PER ORA

21.33 – Positiva donna di Fiumicino rientrata da Bergamo – La paziente risultata positiva è una donna, residente a Fiumicino, rientrata da un viaggio a Bergamo dove era stata qualche giorno. Finora nel Lazio sono stati tre i casi positivi, tutti provenienti da fuori la Regione e tutti pazienti guariti: si tratta della coppia di cinesi originari di Wuhan e del ricercatore rientrato sempre da Wuhan.

21.09 – Due dipendenti di Banca Intesa risultati contagiati – Due dipendenti di Intesa Sanpaolo con sede di lavoro a Sesto San Giovanni (Milano) e Lodi sono risultati positivi al test del Coronavirus. Lo si legge in una nota. Una delle persone dipendenti di Intesa Sanpaolo opera presso la filiale di Via Volturno a Lodi, chiusa fino a nuova comunicazione in quanto soggetta ad attività di sanificazione. La seconda persona non opera a contatto con il pubblico. Entrambi sono seguiti dalle Autorità Sanitarie che ne hanno disposto l’allontanamento dal lavoro. I colleghi in stretto contatto con i due casi positivi sono stati precauzionalmente invitati ad osservare il previsto periodo di isolamento domiciliare.

21.06 – Iniziato il consiglio dei ministri – È iniziato il cdm a Palazzo Chigi. Al centro della discussione il varo del decreto con le misure economiche per contrastare l’emergenza coronavirus.

20.43 – Caso sospetto nel Lazio – Si registra un primo caso sospetto nel Lazio per Coronavirus. Una donna si trova all’ospedale Spallanzani dove deve completare tutti i test per rilevare il Covid-19. La donna, residente a Fiumicino, era stata a Bergamo e si sarebbe sentita male al suo rientro. Finora nel Lazio sono stati tre i casi positivi, tutti provenienti da fuori la Regione e tutti pazienti guariti: si tratta della coppia di cinesi originari di Wuhan e del ricercatore rientrato sempre da Wuhan.

20.30 – Tutte le misure del governo per l’economia – Stop a contributi e ritenute fiscali per gli alberghi di tutta Italia. Nella zona rossa Cig semplificata e assegni per gli autonomi. “Il Paese deve affrontare” l’emergenza “con determinazione, unità, serietà e anche fiducia. Il Paese può andare avanti, l’economia può e deve ripartire ed essere sostenuta” ha detto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri parlando in sala stampa a Palazzo Chigi prima del Cdm.

20.13 Genova, dimessi quattro positivi perché in buone condizioni – Quattro pazienti positivi al coronavirus ricoverati all’ospedale San Martino di Genova provenienti da Asti sono stati dimessi perché, viste le loro buone condizioni di salute, secondo i medici possono proseguire la degenza a casa in isolamento per 14 giorni. Lo comunicano l’assessore regionale alla Sanità Sonia Viale e il direttore della clinica di Malattie infettive del policlinico San Martino Matteo Bassetti. I pazienti, tra 74 e 87 anni d’età, provenienti dall’albergo di Alassio, sono ancora positivi al coronavirus ma sono in buone condizioni di salute, quindi potranno stare per 14 giorni in isolamento nelle loro case, per poi rieseguire il tampone.

20.06 – Di Maio: “Falsità dette fanno danno al paese” – “Ogni volta, come in questi giorni, si dice una cosa non vera per contrastare il governo, si causa un danno all’Italia. Fuori dai nostri confini, viene percepita come incertezza che induce i governi degli altri Paesi a dire ai loro concittadini di non venire in Italia in vacanza e di non acquistare prodotti italiani”. Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, risponde a Salvini sulla gestione del Coronavirus da parte del governo. Di Maio ha incontrato i lavoratori della IIA di Flumeri (Avellino).

19.28 – In Emilia-Romagna più del 50% dei contagiati sono a casa – “Più del 50% dei contagiati sono a casa, in regime di precauzione e isolamento: assistiti, sentiti e vigilati”. A dirlo l’assessore regionale alla Sanità dell’Emilia-Romagna, Raffaele Donini, che ha anche confermato come “non siano cresciuti i casi di persone in terapia intensiva”, che restano sei. In totale sono state circa 20mila le telefonate al numero verde istituito dalla Regione”.

19.26 – Rianimatori: “Situazione per ora è gestibile” – In Italia “ci sono all’incirca 5mila posti in terapia intensiva. Al momento la situazione legata all’emergenza coronavirus è ancora gestibile e sotto controllo per quanto riguarda dunque la disponibilità di posti, e ci sono margini anche a fronte di un modico peggioramento nel numero di casi gravi” dice all’Ansa il presidente della Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani-Emergenza Area Critica (Aaroi-Emac), Alessandro Vergallo. “Al 27 febbraio, sulla base dei dati della Protezione civile – sottolinea – si registrano infatti 150 soggetti ricoverati in ospedale con sintomi e 37, ovvero il 7%, sono i pazienti in terapia intensiva”. Oltre ai posti in organico, rileva, “va anche considerato che sono state prese misure ad hoc come, ad esempio, la sospensione in vari ospedali degli interventi chirurgici non urgenti. Ciò libera una quota di posti: si calcola che venga così guadagnato il 7-9% di disponibilità di posti letto nelle rianimazioni”.

19.23 – Ospedale Lodi: “Situazione è sotto controllo” – “La situazione è assolutamente sotto controllo”: così l’ospedale di Lodi dopo l’emergenza della scorsa notte. A lanciare l’allarme, questa mattina, era stato il governatore Attilio Fontana, che ha parlato di “51 ricoveri gravi di cui 17 in terapia intensiva”. I pazienti bisognosi di cure urgenti sono stati trasferiti al Niguarda di Milano e la situazione, si apprende dall’ospedale, è tornata normale nel giro di qualche ora.

19.00 Effettuati 15.695 tamponi – Sono stati effettuati finora 15.695 tamponi per il coronavirus in Italia, secondo i dati forniti dalla Protezione civile, aggiornati alle ore 17 di oggi. Ieri alle ore 18 l’ultimo dato era di 12.014 tamponi.

18:10 Borrelli: “821 positivi, la metà asintomatici e a casa”
In conferenza stampa il Capo della Protezione civile ha fornito un aggiornamento sui contagi: 821 risultati positivi al test, ma di questi “oltre la metà” sono a casa, in isolamento fiduciario volontario, e non mostrano sintomi. Tra i ricoverati in ospedale “64 sono in terapia intensiva”. Il commissario ha firmato due nuove ordinanze:”Una per l’affidamento all’Istituto superiore di sanità (Iss) della sorveglianza epidemiologica, l’altra per il potenziamento dei dispositivi di ventilazione negli ospedali”.

18:07 – Conte: “Su riapertura scuole decidiamo domani”
“Ci sarà un aggiornamento fino a domani, il comitato tecnico lavora fino all’ultimo. Per quanto riguarda il dpcm sarà emesso domani”. Così il premier Conte ha risposto alla domanda se le scuole riapriranno o meno lunedì, nelle zone colpite dal coronavirus.

17:45 – Primi due positivi in Umbria
La Direzione regionale alla Sanità comunica che in Umbria due persone sono risultate positive al coronavirus. Sono due casi importazione, precisano, quindi non riconducibili dunque a focolai locali. Nei giorni scorsi, uno dei due pazienti si era recato in Emilia Romagna mentre l’altro era venuto in contatto a Roma con un residente del comune di Castiglione D’Adda.

17:36 – Rizzi: “A Bergamo 100 posti non ci bastano più”
“All’ospedale di Bergamo nel giro di pochissimi giorni abbiamo visto un grande numero di casi che non ci aspettavamo – ha detto il dottor Rizzi nel corso della conferenza stampa – I cento posti letto che abbiamo, considerando anche le altre patologie, non ci bastano più”.

17:35 – Pan, ospedale di Cremona: “Non so per quanto reggerà il sistema”
Di seguito è intervenuto Angelo Pan dell’ASST di Cremona. Nell’ospedale – che accoglie tutti i casi del Lodigiano, focolaio dell’epidemia – in pochissimi giorni si è passati da “12 posti in terapia intensiva a 3-4 reparti in cui si curano questi pazienti”, cioé i contagiati dal coronavirus. Tra i dipendenti, ha aggiunto, “da venerdì nessuno è andato a casa”. Pan ha parlato dell’importanza di “coordinare quanto più possibile le attività” degli ospedali a livello regionale. Il sistema “non so – ha aggiunto – quanto potrà reggere ancora”.

17:35 – Gallera: “Servono 14 giorni per validità delle misure”
Proseguendo il suo intervento, l’assessore al Welfare sostiene che “le misure adottate domenica scorsa alla luce dei dati sono assolutamente valide e permettono di controllare la diffusione del virus ed evitare che il virus colpisca tutta la regione. Solo con 14 giorni possiamo capire se la diffusione passerà da 1 a 2, a 1 a 1”, riducendo così i contagi.

17:30 – Galli: “L’organizzazione ai limiti della tenuta”
“Per un’epidemia di questa scala, l’organizzazione messa in campo è ai limiti di tenuta” sostiene il professor Massimo Galli, direttore dell’Istituto di scienze biomediche all’ospedale Sacco, in conferenza stampa. “Gran parte dei letti di rianimazione sono occupati dai casi di questa patologia, dove continuano a esserci pazienti di altro tipo che comunque hanno bisogno di un letto di rianimazione. Quindi la routine viene messa in crisi: ospedale di Lodi e Cremona sono sovraccarichi di pazienti”. Sulla diffusione del contagio, ha detto che “non sarà una cosa facile e scordiamoci che avrà una soluzione veloce”, conclude.”Una medicina abbastanza amara da inghiottire, ma non credo che ci siano alternative”, ha concluso. “Stiamo lavorando per ridurre il numero riproduttivo da 2, 2 e mezzo a 1 contagio per caso”.

17:20 – Gallera: “4835 tamponi, 75% negativo”
In conferenza stampa l’assessore al welfare parla di 531 casi positivi in Lombardia, di cui 235 ricoverati e 85 in terapia intensiva. “Coinvolta il 3% della popolazione regionale: nel 90% dei casi si risolve senza complicazioni – ha aggiunto – ma nel 10% dei casi, soprattutto in persone anziane o con patologie pregresse, si rende necessario un passaggio in terapia intensiva”. La Regione fino ad oggi ha effettuato “4.835 tamponi. Di questi il 75% è risultato negativo, l’11% è positivo e il 14% si sta processando”. Le vittime in Lombardia sono 17.

17:10 – Alitalia cancella 38 rotte “Troppi posti non occupati”
Cancellati i collegamenti “con un grande numero di posti non occupati” per effetto del coronavirus. Lo dice la compagnia spiegando che “nel complesso, tutti gli interventi di riduzione della capacità intrapresi dalla Compagnia su 38 rotte nazionali e internazionali sono riconducibili alla minore domanda, dovuta anche all’accresciuto numero di restrizioni ai voli e ai passeggeri provenienti dall’Italia”. Per esempio, da Genova, ci saranno 8 voli al giorno.

17:00 – Duomo di Milano aperto ai turisti ma “a scaglioni”
Da lunedì prossimo il Duomo di Milano riaprirà ai turisti anche se potranno entrare solo ‘a scaglioni’. Le biglietterie resteranno chiuse e gli ingressi si potranno acquistare solo online.
Sarà possibile salire sulle Terrazze ma solo utilizzando le scale, non gli ascensori. Il Complesso Monumentale del Duomo di Milano (che comprende la cattedrale, le Terrazze ma anche l’area Archeologica, il museo del Duomo e la chiesa di San Gottardo in Corte) saranno aperti dalle 9 alle 18 con accessi “programmati e organizzati”. Le comitive potranno entrare ma solo a piccoli gruppi.

16:40 – Lunedì Poste aperte nelle zone rosse
Poste italiane ha annunciato la riapertura dei suoi uffici al pubblico: “A partire da lunedì 2 le pensioni del mese di marzo saranno messe in pagamento anche nei 5 uffici a Codogno, Casalpusterlengo, Castiglione D’Adda, San Fiorano in provincia di Lodi e Vo’ Euganeo in provincia di Padova”.

16:15 – Perquisizioni a Milano “gel mani a 50 euro”
Perquisizioni della guardia di finanza in alcune imprese che vendono prodotti su eBay: l’inchiesta, coordinata dai procuratori aggiunti Eugenio Fusco e Tiziana Siciliano, si concentra sulle “manovre speculative” nelle vendite di mascherine, gel disinfettanti e prodotti sanitari in questi giorni di emergenza coronavirus. Tra i casi più eclatanti, ad esempio, un caso in cui una sola bustina di gel disinfettante veniva venduta come “mai usata”, così era scritto nell’annuncio, “a 50 euro”. Il fascicolo è a carico di ignoti: potrebbe essere contestato anche il reato di “frode nell’esercizio del commercio”, perché a volte vengono vendute mascherine chirurgiche ‘spacciate’ per mascherine protettive ‘ffp3’.

16:00 – Milano, dipendente Unicredit positivo
Un dipendente di Unicredit che lavoro nella Torre A di Piazza Gae Aulenti a Milano è risultato positivo al virus: lo annuncia una mail interna in cui viene precisato che il dipendente dopo essere stato in contatto con un caso sospetto, è in quarantena da venerdì 21 febbraio, nell’attesa dei risultati definitivi del test. Da domenica 23 febbraio il ventesimo piano della Torre è stato chiuso: ora è stato pulito e disinfettato in profondità e rimarrà non accessibile fino a nuovo avviso.

15:45 – Fontana: “Il problema è la velocità di contagio”
“Il problema di questo virus non è il tasso di mortalità, ma la velocità di contagio” ha detto il presidente della Regione Lombardia Fontana. “Non tutti i casi, fortunatamente, sono gravi, ma tanti richiedono un ricovero ospedaliero, impegnando posti letto che sono destinati all’attività ordinaria delle strutture”.

15:36 – Medici Lodi: “Chiediamo scuole chiuse per un’altra settimana”
“Auspico che almeno per tutta la prossima settimana ci sia la possibilità di mantenere le scuole chiuse nel lodigiano per evitare ulteriori contagi”. A chiederlo è il presidente dell’Ordine dei medici di Lodi, Massimo Vajano, Sembra che adesso la grossa preoccupazione sia economica e non più sanitaria – ha affermato – e sembra che da lunedì tutto ritornerà alla normalità nel milanese, ed è giusto che sia così ma con buon senso.

15:30 – Lombardia: “10% di pazienti ha bisogno della terapia intensiva, ma i posti sono limitati”
“In base ai casi accertati la diffusione del virus è ancora circoscritta e l’incidenza è alta in alcune aree pari a circa al 4% della popolazione regionale – fa sapere la Regione Lombardia in una nota – Il Covid-19 per il 90% dei pazienti è facilmente risolvibile, ma nel restante 10% dei casi, soprattutto se anziani o con un quadro clinico compromesso, richiede il passaggio in terapia intensiva. Nelle zone ad alta incidenza gli ospedali (Codogno, Lodi, Cremona, Alzano) hanno dovuto affrontare situazioni emergenziali sia per l’elevato numero di casi, sia perché l’11% delle positività riguarda operatori sanitari”. Fino ad oggi il resto della rete ospedaliera è ancora in grado di dare risposta, sostiene, ma se la diffusione dovesse continuare a questo ritmo “gli ospedali andranno in grave crisi non solo per i ricoveri da coronavirus ma per tutti i pazienti. Infatti, sono numerose le patologie che richiedono il ricorso alle cure intensive ma i posti disponibili sono limitati”.

15:15Scritte razziste a Genova contro comunità cinese
“Cinese infame, topo nella fogna”: la scritta, accompagnata da croci celtiche, è comparsa a Genova sul selciato del campetto da calcio dei Giardini Lamboglia.”Ho provveduto immediatamente a girare le foto alle forze dell’ordine e a richiedere all’area tecnica del Municipio la rimozione delle scritte – ha spiegato Massimo Ferrante, presidente del Municipio III Bassa Val Bisagno – Più del coronavirus la mia preoccupazione è il dilagare di gratuita ignoranza e becero razzismo”. Sull’episodio indaga la Digos.

15:00 – Furto di mascherine e gel disinfettante a Lavagna
La direttrice generale della Asl4 di Chiavari Bruna Rebagliati ha raccontato la vicenda in municipio: “Abbiamo denunciato l’accaduto e andremo in fondo alla vicenda perché non si può speculare in questo modo su dispositivi sanitari così importanti”. Nella provincia ligure non vi sono positività da coronavirus, ma 44 isolamenti preventivi, divisi in 18 nuclei familiari. Simili episodi sono accaduti in diversi ospedali d’Italia, da Torino a Gubbio.

14:45 – L’Università di Trieste riprende le lezioni
Il rettore Roberto Di Lenarda ha annunciato che a partire da lunedì 2 marzo riprenderanno le normali attività “alla luce dell’ assenza del virus in Friuli Venezia Giulia”.

14:15 – “Sospeso il rientro dei migranti in Italia”
Per il diffondersi del coronavirus sono stati momentaneamente sospesi i trasferimenti dalla Germania dei “dublinanti”, cioé di quei migranti che rientrano nella categorie definite dal regolamento di Dublino. Lo ha confermato un portavoce del Ministero degli Interni tedesco.

14:00 – Zaia: “Speriamo di riaprire le scuole lunedì”
Anche in Veneto, sulla riapertura della scuole si attende la decisione dell’Istituto superiore di Sanità, che dovrebbe arrivare in giornata. Il governatore del Veneto, Luca Zaia, auspica che “lunedì possano riaprire le scuole del Veneto. Non mi permetto di dare indicazioni sulle situazioni, ma penso sia ragionevole che tra oggi, massimo domani, si dica cosa vogliamo fare. Bisogna dare indicazioni chiare” a famiglie e cittadini “ma nel rispetto delle valutazioni scientifiche”. “Ripartire è il sogno”, conclude.

13:45 – Consiglio dei ministri alle 19:30
Sul tavolo ci sarà – anche se l’ordine del giorno non è stato ancora reso noto – un primo provvedimento per il contrasto agli effetti economici del coronavirus.

13:33 – 115 positivi in Emilia Romagna
Sale il numero dei casi di positività al coronavirus in Emilia-Romagna. Rispetto a ieri pomeriggio, sono 18 gli episodi registrati in più, di cui 11 a Piacenza, 6 a Parma e 1 a Rimini. Rimane invece invariata la situazione a Modena, con 18 casi. Il totale nella regione da 97 sale a 115. Lo riferisce la Regione Emilia-Romagna specificando che sono 74 a Piacenza, 18 a Modena, 16 a Parma e 7 a Rimini. Passano da 1.033 di ieri a 1.224 i tamponi refertati. “Anche oggi si conferma che nessuno dei nuovi pazienti è in terapia intensiva, dove rimangono i 6 comunicati ieri”.

13:30 – Iss: “Nessuna discrepanza tra i numeri”
Non c’è discrepanza, finora, tra i casi di positività verificati dall’Istituto superiore di sanità e quelli rilevati dalle Regioni, che successivamente vengono inviati all’Iss per la conferma. La differenza tra i dati, quindi, è solo dovuta a una questione di tempi, e “in genere le positività coincidono”, come aveva anche spiegato ieri il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro, intervenuto in conferenza stampa alla Protezione Civile. Fino ad ora non sono stati registrati falsi positivi.

13:25 – Fontana: “Abbiamo ancora carenza di mascherine”
Quello della carenza di mascherine “è problema che a oggi non è ancora risolto”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana spiegando che “nel momento in cui è emerso ho chiesto la fornitura di mascherine per dotare medici e infermieri. Sono passato sei giorni dall’emergenza e non siamo riusciti ancora ad entrare in possesso dei dispositivi di cui abbiamo bisogno”.

13:15 – Assoturismo: “Chiesto lo stato di crisi per il settore”
Assoturismo Confesercenti oggi ha aperto un tavolo al Mibact per valutare gli effetti del virus sul settore turistico: “Accogliamo con positività quanto annunciato dal Ministro Franceschini durante la riunione di oggi – ha detto il direttore Corrado Luca Bianca, al termine dell’incontro – Abbiamo richiesto che tutte le aziende del comparto ricettivo, compresi b&b, campeggi, agenzie di viaggio e guide turistiche, inondate da un diluvio di disdette, vengano tutelate. Abbiamo richiesto nuovamente di dichiarare lo stato di crisi del settore”.

12:54 – L’Italia chiede mascherine a protezione civile Ue
L’Italia ha attivato il meccanismo di protezione civile dell’Ue richiedendo mascherine protettive, e il Centro di coordinamento Ue ha trasmesso la richiesta a tutti gli Stati membri di mobilitare le offerte di assistenza. “L’Italia fa parte della nostra famiglia europea e faremo tutto il possibile per aiutare – ha dichiarato il commissario alla gestione delle crisi Janez Lenarčič – si tratta di un virus che non conosce confini e tutti i paesi dovrebbero mostrare solidarietà e coordinare la risposta”.

12:50 – Spallanzani: “Niccolò dimesso domani. 180 test, 136 negativi e dimessi”
Nel nuovo bollettino medico diffuso dall’ospedale romano si comunica che sono stati valutati, fino a oggi, 180 pazienti. Di questi, 136 sono risultati negativi al test e sono stati dimessi. Quarantaquattro pazienti, invece, rimangono tuttora ricoverati. L’ospedale farà sapere che domani verrà dimesso il 17enne di Grado bloccato per due volte in Cina a causa della febbre ma risultato negativo ai test, che ormai ha completato il necessario periodo di quarantena. “L’istituto è felice di poter condividere questa gioia con la famiglia del ragazzo ed i suoi amici”.

12:45 – Bozza decreto zone rosse: “Stop 6 mesi a bollette e rate assicurazioni”
Sospensione per 6 mesi delle bollette di luce, gas, acqua e alla tassa sui rifiuti. Stop anche alle rate di assicurazioni, fino al 31 luglio. È quanto prevede la bozza del decreto a favore delle zone colpite dal coronavirus. L’Arera, incaricata della sospensione, “disciplina anche le modalità di rateizzazione delle fatture e degli avvisi di pagamento i cui termini sono stati sospesi”. La bozza prevede anche una stretta contro comportamenti scorretti e “pratiche commerciali che profittano di situazioni di allarme sociale” aumentando i prezzi.

12:42 Zaia: “L’ordinanza scade domenica, da 2 giorni ne chiedo una nuova”
Oltre Fontana, anche il governatore Zaia ha sollevato la questione di cosa fare da lunedì, visto che l’ordinanza scade domenica: “Io sto chiedendo da due giorni che si scriva una nuova ordinanza, che si vada a una revoca e che in ogni caso si dia modo alla cittadinanza di poter programmare. Era fondamentale che si chiudesse nelle ore passate, spero si chiuda almeno oggi, almeno oggi”.

12:35 – Fontana: “Oggi riunione per valutare riapertura scuole”
Nel corso della stessa intervista Fontana ha parlato anche dei piani per la prossima settimana: “In giornata si terranno diverse riunioni in Regione Lombardia con gli esperti del’Istituto Superiore di Sanità e del ministero della Salute per valutare se riaprire o meno le scuole a partire da lunedì mattina”. Al centro delle valutazioni degli esperti ci saranno soprattutto i dati provenienti agli ospedali lombardi e relativi al numero dei contagiati.

12:30 – Fontana: “Emergenza a Lodi: non ci sono abbastanza posti in terapia intensiva”
“Purtroppo questa notte è scoppiata un’altra emergenza a Lodi. A Lodi improvvisamente nel pomeriggio di ieri c’è stata un affollamento di ricoveri: 51 ricoveri gravi di cui 17 in terapia intensiva. Lodi non ha un numero sufficiente di camere di terapia intensiva per cui sono stati trasferiti in altre terapie intensive della Regione”. Lo ha spiegato il presidente della Lombardia Attilio Fontana su La7. “Se si ridesse meno della mascherina e si guardasse il problema più attentamente credo che sarebbe saggio”, ha aggiunto.

12:20 – Ospedale Cremona: “Situazione sotto controllo”
“Il problema non è la carenza di posti letto ma l’abbondanza di pazienti, un problema che fra poco riguarderà tutta la regione”, dice l’ospedale di Cremona, sotto pressione per i numerosi pazienti ricoverati, tanto che tre sono stati trasferiti nei reparti di terapia intensiva di altre strutture della Lombardia. “Il nostro ospedale, come tutti, ha dei numeri finiti. Noi abbiamo potenziato al meglio, ma dipende da che afflusso ci sarà nei prossimi giorni. Non abbiamo la coda fuori dall’ospedale, chi arriva passa dal triage allestito nella tenda della Protezione civile”. Nel reparto di malattie infettive sono stati raddoppiati i posti letto, quello di terapia intensiva funziona a pieno regime, la medicina e la chirurgia lavorano insieme al dipartimento di urgenze ed emergenze. Da venerdì tutti, non solo medici e infermieri, lavorano al di là dei loro ruoli e orari”.

12:17 – Zaia: “Crescita lenta”
“In Veneto ci sono 133 persone positive delle quali 69 non hanno nessun sintomo. 21 sono ricoverati e 8 sono in terapia intensiva”, ha comunicato il presidente della Regione Veneto Luca Zaia. “Non abbiamo una crescita esponenziale, c’è una crescita lenta dei positivi e dei contagiati. Abbiamo fatto 6.800 campioni perché abbiamo voluto da subito il campionamento dei casi per dare tranquillità ai cittadini rispetto al focolaio”.

12:13 – Studio italiano: “Da dicembre casi raddoppiati ogni 4 giorni”
Comparsa “tra la seconda metà di ottobre e la prima metà di novembre 2019”, l’epidemia di nuovo coronavirus ha avuto a partire da dicembre una ‘super accelerazione’: da allora, ogni contagiato ha prodotto altri 2,6 casi e il tempo di raddoppio dell’epidemia è stato di 4 giorni. Lo hanno scoperto gli scienziati dell’università Statale di Milano autori di uno studio che ricostruisce i primi mesi di vita della Covid-19. Il lavoro è stato accettato per la pubblicazione sul ‘Journal of Medical Virology’ e i risultati sono già stati inviati dalla rivista all’Oms. “Tutte queste informazioni saranno importanti e d’aiuto anche per gli epidemiologi che sono impegnati a capire meglio l’origine dell’epidemia italiana”.

11.59 – Mattarella: “Unità è patrimonio della società”
“L’unità di intenti, e i principi di solidarietà, sono un grande patrimonio per la società, particolarmente in momenti delicati per la collettività. Costituiscono inoltre un dovere. Quando si perdono, ci si indebolisce tutti”. Lo afferma il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, parlando al trentesimo anniversario di Telethon al Quirinale. “In questo giorno dedicato alle malattie rare dobbiamo sentire il dovere di ringraziare chi sta operando con fatica, con sacrificio, con abnegazione per contrastare il pericolo del coronavirus: i medici, gli infermieri, il personale della Protezione civile, i ricercatori, le donne e gli uomini delle Forze Armate e di quelle di polizia, tutti coloro che in qualche modo si trovano in prima linea”.

11.43 – Federsci: “Gare ricominciano il 2 marzo”
“La Federazione Italiana Sport Invernali autorizza la ripresa delle gare di calendario federale a partire da lunedì 2 marzo, nel rispetto delle indicazioni, in materia di tutela sanitaria, impartite sul territorio dalle autorità locali: Regioni, Prefetture, Province e Comuni. Si invitano, dunque, gli organizzatori locali a mantenersi informati sulle direttive impartite dalle autorità territoriali e ad adeguarsi a tali norme”. Lo scrive la Fisi sul suo sito.

10.56 – Stop al tour degli Emirati Arabi di ciclismo: 2 italiani positivi
Le ultime due tappe dello Uae Tour di ciclismo, che si tiene negli Emirati Arabi Uniti, sono state cancellate dopo che due “membri dello staff” di uno dei team italiani sono risultati positivi al coronavirus. Lo si legge sul profilo del comitato organizzatore della corsa su Twitter. “La decisione è stata presa per garantire la sicurezza di tutti i partecipanti – si sottolinea -. La sicurezza è in cima a tutte le priorità”. Tutto il personale, lo staff dei team partecipanti alla corsa e gli stessi fotografi sono al momento bloccati in hotel in attesa che vengano effettuati i controlli. Nella nota del’organizzazione si sottolinea che il ministero della Salute ha fatto sapere che tutti i partecipanti alla corsa, il personale amministrativo e gli organizzatori saranno esaminati attraverso lo screening periodico continuo in corso e “che verranno prese tutte le procedure necessarie, comprese le misure di quarantena, per garantire il freno la diffusione del suo focolaio in coordinamento con tutta la salute e le altre autorità interessate nel paese”. Il ministero ha inoltre aggiunto che sono state prese tutte le precauzioni necessarie per garantire misure preventive altamente efficienti, compresi controlli e osservazione delle persone a contatto con i pazienti, per garantire la protezione della società e la sua sicurezza e preservare la fiducia del pubblico.

10.35 – Iss conferma i 3 casi in Campania
L’Istituto superiore di sanità ha appena inviato comunicazione formale che conferma i tre casi di positività in Campania. Lo comunica la direzione strategica dell’Azienda Ospedaliera dei Colli la quale, ribadisce che, nel corso della giornata di ieri, sono stati effettuati i tamponi sui contatti dei tre che hanno dato esito negativo. I tre casi si sono verificati nel Casertano, nel Salernitano ed a Napoli.

10.30 – Ordine dei medici a Fontana: “Inaccettabile medici senza dotazioni”
“Non si può accettare che i nostri medici si trovino a fronteggiare l’emergenza Covid-19 senza le dotazioni per la protezione personale dal virus”. Lo scrive in una lettera al governatore della Lombardia Attilio Fontana il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo) Filippo Anelli. “Un medico che si ammala – aggiunge – è un medico sottratto al servizio sanitario nazionale e alla tutela del diritto alla salute”.

9.56 – In Veneto 133 casi, 13 nuove positività
Sono 133 i casi di positività ai test Coronavirus in Veneto, secondo l’ultimo aggiornamento diffuso dalla Regione e relativo alle ore 6.30. Di questi, 69 sono asintomatici, 29 sono i ricoverati totali, di cui 8 in terapia intensiva. Rispetto al bollettino delle ore 18.00 di ieri si sono registrati 13 nuovi casi. Il focolaio più grande resta quello di Vò Euganeo, con 59 casi (5 nuovi), seguito da Treviso con 23 (uno nuovo), poi Venezia (10, uno nuovo), Limena (9, invariato), Mirano (5, invariato) e Vicenza (3, invariato); altri 23 casi (6 nuovi) non sono associati a focolai. Le persone dimesse e in isolamento sono 3, i decessi rimangono due.

9.35 – Gallera: “Si potrebbero mitigare le misure per alcune aree”
“Finita la prima settimana, se si decidesse si prorogare per la prossima le misure adottate, si potrebbero mitigare per alcune aree”. Lo ha detto Giulio Gallera, assessore al Welfare della Regione Lombardia, ad Agorà. “Oggi avremo un incontro con il ministero, tra oggi e domani si deciderà”, ha aggiunto.

9.11 – Tre medici volontari trasferiti nella zona rossa
Tre medici che si sono offerti volontari sono stati trasferiti nella zona rossa in Veneto, a Vo’ Euganeo, per aiutare i colleghi che sono in quarantena. Lo rende noto in un post su Facebook il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici (Fnomceo), Filippo Anelli.

8.56 – Scuole e uffici comunali chiusi a Messina
Scuole chiuse da domani a martedì 3 marzo a Messina. Lo prevede un’ordinanza firmata dal sindaco Cateno De Luca. Il provvedimento firmato ieri pomeriggio dispone, inoltre, da sabato 7 marzo a lunedì 9 marzo la chiusura temporanea degli uffici comunali, comprese le sedi delle Municipalità, delle società partecipate e della città metropolitana, ad eccezione della centrale operativa dei vigili urbani, dei cimiteri e i locali dell’Anagrafe destinati a servizi essenziali, per consentire la disinfezione degli ambienti. “Si tratta soltanto di misure precauzionali”, assicura l’amministrazione.

8.47 – Gallera: “Chiusure locali decise per salvaguardare la salute pubblica”
“Se riusciamo a contenere la diffusione, riusciamo quanto prima a voltare pagina. Questo era l’obiettivo delle misure”, ha spiegato l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera, ad Agorà, riguardo alla decisione di chiudere locali e musei, sottolineando che è stata presa in concerto con il governo dopo aver ascoltato gli esperti. “Non lo abbiamo fatto per danneggiare un settore, ma per un obiettivo di salute pubblica” altrimenti “fra qualche mese avremo il Paese in ginocchio”.

8.45 – Patuanelli: “Prime misure in Cdm stasera o domani”
Il primo provvedimento del governo a favore delle zone rosse interessate dal Coronavirus arriverà in cdm “questa sera o domani mattina” a seconda “dei tempi tecnici per predisporlo”. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, a Uno Mattina. Tra le prime misure Patuanelli ha citato la sospensione delle bollette di gas e luce e delle rate dei mutui e il rafforzamento del fondo di garanzia per le Pmi.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, dallo choc dei primi contagi alle misure dell’emergenza sanitaria, fino ai timori per gli effetti economici – Cronologia di una settimana di epidemia

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la diretta – Oltre 1.000 contagi totali. Rinviate a maggio cinque partite di A. “Scuole chiuse fino all’8 marzo in Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna”

next