L’obiettivo è quello di ridurre le occasioni di assembramento. L’ordinanza emessa dalla Regione Lombardia non risparmia neanche la zona dei Navigli a Milano, storicamente luogo di ritrovo per una delle tradizioni milanesi, l’happy hour. L’ordinanza regionale parla di sette giorni, ma potrebbero diventare quattordici, equivalenti alle due settimane di incubazione del Coronavirus. Bar e pub devono tirare giù la serranda alle 18 e possono riaprirla solo alle 6 del giorno seguente, ristoranti possono restare aperti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, il racconto da Casalpusterlengo: “Nella zona rossa la vita è sospesa nel tempo, tra negozi chiusi e code in farmacia”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, ignote le origini del contagio a Vo’. Ma nel paese arrivano oltre 5mila persone ogni weekend di febbraio per acquistare vino

next