L’obiettivo è quello di ridurre le occasioni di assembramento. L’ordinanza emessa dalla Regione Lombardia non risparmia neanche la zona dei Navigli a Milano, storicamente luogo di ritrovo per una delle tradizioni milanesi, l’happy hour. L’ordinanza regionale parla di sette giorni, ma potrebbero diventare quattordici, equivalenti alle due settimane di incubazione del Coronavirus. Bar e pub devono tirare giù la serranda alle 18 e possono riaprirla solo alle 6 del giorno seguente, ristoranti possono restare aperti

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, il racconto da Casalpusterlengo: “Nella zona rossa la vita è sospesa nel tempo, tra negozi chiusi e code in farmacia”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, ignote le origini del contagio a Vo’. Ma nel paese arrivano oltre 5mila persone ogni weekend di febbraio per acquistare vino

next