Si profila un secondo maxi-processo per mafia in Veneto. Dopo i 69 tra rinvii a giudizio e riti alternativi per le infiltrazioni della camorra a Eraclea e nel Veneto Orientale, tocca ora alla ‘ndrangheta. Un anno fa un blitz della Procura antimafia di Venezia aveva portato in carcere o ai domiciliari 33 persone, ma in totale gli indagati erano 54. Le accuse erano legate alle attività di un’organizzazione criminale collegata alla cosca Grande Aracri della ‘Ndrangheta che agiva tra le province di Venezia, Padova e Vicenza. Le ipotesi di reato vanno dalle violenze private alle estorsioni, dalle false fatturazioni al riciclaggio di denaro sporco proveniente dalla Calabria. A tempo di record si è conclusa nell’aula bunker di Mestre l’udienza preliminare del giudice Francesca Zancan, che ha accolto le richieste del pm Paola Tonini. Nessun proscioglimento, tutti a processo. I rinvii a giudizio sono stati 14, per 34 imputati accesso ai riti abbreviati, mentre quattro di loro patteggeranno. A marzo al via il processo con rito ordinario. A maggio, quelli abbreviati di fronte al giudice veneziano Luca Marini.

Tra i principali imputati spiccano i fratelli Michele e Francesco Bolognino. Il primo è considerato il promotore dell’organizzazione, condannato a 37 anni di carcere a Bologna nel processo Aemilia, dal 2015 è in regime di 41bis. La ‘ndrangheta, dopo le chieste emiliane, aveva spostato l’asse delle attività verso il Veneto puntando alle aziende. È per questo che tra gli imputati troviamo alcuni imprenditori come Leonardo Lovo, di Campagna Lupia, Federico Schiavon di Padova e Adriano Biasion di Piove di Sacco. Sono accusati di aver emesso un gran numero di false fatture che servivano al riciclaggio del denaro sporco. Nell’elenco c’è anche il commercialista Donato Clausi. Hanno scelto il patteggiamento due impresari veneziani, Eros Carraro e Massimo Nalesso, nonché il padovano Roberto Rizzo, con pene che variano da un anno e 4 mesi a un anno e 7 mesi, coperte dalla sospensione condizionale e previo risarcimento dell’Agenzia delle Entrate con somme che vanno da 20 ai 90 mila euro. Dovrebbe patteggiare anche il collaboratore Giuseppe Giglio, la cui pena però sarà più pesante, in continuazione con un’altra condanna. Nel processo si sono costituiti parte civile la Regione Veneto, la presidenza del Consiglio dei Ministri, l’Agenzia delle Entrate e il Ministero dell’Interno. L’operazione della Dda fu battezzata “Camaleonte” e ha svelato un sistema di intimidazioni a imprenditori in difficoltà legato alla ‘ndrina Grande Aracri.

Sommando gli imputati per ‘ndrangheta, con quelli per camorra, si arriva a quota 121 imputati in Veneto. Non era mai accaduto dai tempi di Felicetto Maniero. A Eraclea (il ministro dell’Interno deciderà entro il 18 marzo se sciogliere il consiglio comunale per infiltrazioni mafiose) le cosche, secondo gli inquirenti. fecero accordi con i politici. Nelle province di Padova, Venezia e Treviso, la ‘Ndrangheta ha usato un metodo imprenditoriale, prendendo contatti con titolari di imprese a cui veniva proposto di prestarsi a false fatturazioni, in cambio di denaro o aiuto all’attività aziendale. E poi il cerchio si allargava agli amici degli amici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Attacco al clan-caccia ai Casalesi, il pm Maresca sulla strage di Castel Volturno: “Anche prima era chiaro l’obiettivo dei Setola: gli immigrati”

next
Articolo Successivo

Delitto Bruno Caccia, il pg della Cassazione: “Fu servitore dello Stato” e cita Giovanni Falcone

next