“I familiari di Imane Fadil vogliono la verità e vogliono sapere come mai non è stata salvata”. L’avvocato della famiglia Fadil Mirko Mazzoli ha presentato al Gip Alessandra Cecchelli l’istanza di opposizione all’archiviazione dell’indagine sulla modella, testimone del processo Ruby, morta lo scorso 1 marzo all’ospedale Humanitas dopo un mese di agonia. Per la procura si tratta di una morte per cause naturale, di diverso avviso invece la famiglia della vittima. I legali della famiglia, che lo scorso dicembre hanno presentato una consulenza tecnica, ritengono insufficienti gli elementi raccolti sia sulle cause del decesso – legata all’aplasia midollare – che su eventuali colpe mediche. “Vogliamo giustizia, le conclusioni della Procura non ci soddisfano – ha proseguito il legale – noi abbiamo dimostrato con la relazione tecnica del dottor Casale che se fosse stata tempestiva la diagnosi dell’evento che ha cagionato la morte, le cure sarebbero state efficaci all’80%. Noi crediamo che ci siano i presupposti perché l’indagine prosegua e che vengano accertate tutte le problematiche relative alle cure”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, indagini chiuse per la parlamentare renziana Giusy Occhionero per falso

next
Articolo Successivo

Trapani, turisti obbligati a parcheggiare nella struttura dell’indagato per mafia: arrestati un imprenditore e un vicecomandante Municipale

next