“Se avessimo avuto allora i daspo per i corrotti non sarebbe stato necessario mettere tante persone in galera“. Antonio Di Pietro, tra i pm simbolo di Mani Pulite, sottolinea come all’epoca di Tangentopoli i magistrati hanno dovuto combattere la corruzione senza avere gli strumenti poi introdotti con la Spazzacorrotti. Lo fa intervenendo al Senato all’evento organizzato dal M5s sulla legge voluta dal ministro Alfonso Bonafede a un anno dalla sua approvazione. “Per evitare la reiterazione del reato, dicevo al corrotto ‘stai un po’ a pane e acqua” , dice Di Pietro, che poi parla anche delle sue dimissioni dalla magistratura: ” Se non mi dimettevo, entro 1-2 mesi sarei stato arrestato, perché mi hanno accusato di reati gravissimi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Brescia, scoperta la “fabbrica” dell’evasione: 22 arresti per associazione a delinquere. False operazioni per mezzo miliardo

next
Articolo Successivo

Dopo aborto simularono incidente stradale per incassare i soldi dell’assicurazione: quattro condanne fino a 25 anni

next