Ancora Dorothea Wierer. Due giorni dopo il successo nella gara a inseguimento, l’azzurra si ripete anche nei 15 km dell’individuale e conquista la seconda medaglia d’oro ai mondiali di Biathlon di Anterselva, in provincia di Bolzano. Un’altra impresa davanti al pubblico di casa, questa volta riuscendo a essere di appena 2 secondi e 2 decimi più veloce della tedesca Vanessa Hinz, nonostante un errore in più (2 totali) nei quattro poligoni di tiro. Per Wierer è il terzo oro mondiale in carriera e la terza medaglia in questa edizione, dove ha conquistato anche l’argento nella staffetta mista.

Un trionfo ancora più pesante se consideriamo l’andamento della gara, con la campionessa chiamata alla rimonta sin dopo il primo poligono, con un errore che la fa scendere momentaneamente in 24esima posizione. La svolta arriva dopo la terza serie di tiro: Wierer colpisce tutti i bersagli e si rilancia prepotentemente anche grazie a una prova fantastica sugli sci. Il quinto poligono è perfetto, la 29enne delle Fiamme Gialle esce così in vetta con 2″2 su Hinz, oggi alla miglior gara della sua vita. Nell’ultima frazione Wierer riesce a mantenere i 2″2 sulla tedesca e chiude così davanti a tutte. Un’altra gioia per la detentrice della sfera di cristallo, capace di imporsi ancora sulla pista di casa. La gioia è doppia se consideriamo anche la classifica generale di Coppa del Mondo dove l’azzurra è praticamente in fuga su una deludente Tiril Eclhoff, adesso indietro di 94 punti.

“Ho iniziato non proprio benissimo, nella prima serie mi è scappato il primo colpo. Ma avevo buone sensazioni, nonostante le condizioni difficili del vento. Ho fatto due ‘zero’ finali e l’ultimo giro è stato molto tosto“. Questo il commento a caldo di Dorothea Wierer ai microfoni della Rai dopo la vittoria. “Non me l’aspettavo perché avevo iniziato con un doppio errore al tiro, mi sarebbe andato bene anche l’argento, ma è arrivato l’oro. Meglio ancora. Onestamente non ho sentito i miei coach lungo la pista – ha spiegato l’azzurra – perché c’era molto tifo ed ero molto concentrata sulla mia gara. Comunque loro fanno un gran lavoro per tutta la squadra e vanno sempre ringraziati”. “Sapevo che avevo un vantaggio sulla tedesca ma l’ultimo giro è stato difficile. Ho pensato ad un certo punto che andava bene anche l’argento e invece ce l’ho fatta”, ha concluso Wierer.

Medaglia d’argento quindi per la tedesca Hinz, bronzo alla norvegese Marte Roeiseland a 15.8 secondi. Per quanto riguarda le altre italiane in gara, tutte oltre la 40esima posizione Federica Sanfilippo, Michela Carrara e Lisa Vittozzi. Per l’Italia è la decima medaglia d’oro nella storia dei mondiali di Biathlon, la 30esima medaglia in assoluto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dio salvi la Regina. E Zlatan Ibrahimovic

next
Articolo Successivo

Djokovic campione anche fuori dal campo: gioca a tennis coi bambini per le strade di Belgrado

next