Lo hanno insultato fin dal riscaldamento. Lui è rimasto in silenzio, ha atteso il momento giusto: prima ha segnato il gol della vittoria e poi, beccato nuovamente dal pubblico, ha chiesto il cambio e non ha voluto saperne di sentire i consigli dei compagni che hanno provato a trattenerlo in campo.

Moussa Marega, centravanti del Porto, ha abbandonato il campo e risposto a muso duro ai tifosi del Vitoria Guimaraes che gli avevano rivolto insulti razzisti per oltre un’ora. L’attaccante aveva festeggiato la rete indicando la propria pelle in risposta alle offese che arrivavano dagli spalti, reagendo poi con gestacci rivolti a chi lo stava insultando. La situazione, in tutto questo, è degenerata e anche l’arbitro Luis Miguel Branco Godinho ha finito per capirci poco o nulla punendo la reazione di Marega con un cartellino giallo.

Il centravanti originario del Mali si è poi sfogato su Instagram: “Vorrei solo dire a questi idioti che vengono allo stadio per insultare in modo razzista… andate a farvi fot… E ringrazio anche l’arbitro per non avermi difeso e per avermi ammonito perché difendo il colore della mia pelle. Spero di non incontrarti mai più su un campo di calcio! Sei una vergogna!!!!”.

L’allenatore del Porto, Sergio Conceiçao, che è stato costretto a sostituire Marega, ha commentato così: “Siamo completamente indignati. Hanno insultato Marega a partire dal riscaldamento. Noi siamo una famiglia, non facciamo distinzioni di nazionalità, colore della pelle, altezza o colore dei capelli e tutti meritiamo rispetto. Ciò che è successo è oltraggioso”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonio Conte condannato dalla mancanza di coraggio: chi gioca per pareggiare spesso perde (partite, campionato e credibilità)

next
Articolo Successivo

Conte ritrova il sorriso nel dopo-partita: la domanda a sorpresa in sala stampa

next