Sit-in davanti al consolato egiziano a Milano per chiedere la scarcerazione di Patrick Zaki, studente detenuto in Egitto dal 7 febbraio. Ieri il tribunale di Mansura ha respinto la richiesta di scarcerazione presentata dai legali. Durante la manifestazione milanese una compagna di corso a Bologna ha letto il manifesto della campagna esortando “tutti gli studenti e le autorità accademiche di unirsi con manifestazioni a favore della sua scarcerazione. Chiediamo inoltre che il governo egiziano non perseguiti la famiglia o gli amici”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Treno deragliato nel Lodigiano, rimossi i due vagoni del Frecciarossa

next
Articolo Successivo

Treviso, la lettera del professore che accusa due preti di abusi sessuali: “I reati sono prescritti, i miei traumi non lo saranno mai”

next