Il boss Giuseppe Graviano, durante il processo ‘Ndrangheta stragista in corso davanti alla corte d’Assise di Reggio Calabria, dove è accusato dell’omicidio di due carabinieri, torna a parlare di Silvio Berlusconi. Sollecitato dal pm, racconta di un messaggio che doveva far arrivare all’ex premier per ricordargli di alcuni debiti contratti con il nonno. “Adinolfi (il compagno di ora d’aria ndr.) doveva ricordargli che io sono ancora vivo”, dice in aula, negando però che ci fossero altri interessi oltre a quelli economici. Nelle oltre due ore di deposizione, poi, il boss di Brancaccio cita per la prima volta anche Marcello Dell’Utri anche lui “tradito” da Berlusconi e “danneggiato” dalle leggi emanate dall’ex premier. L’audio della deposizione da Radio Radicale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Pax mafiosa a Ostia, il pizzino di Diabolik e Casamonica da consegnare in carcere a Romoletto Spada tramite l’avvocato Gargano

next
Articolo Successivo

Aemilia, al via il processo d’appello a Bologna: l’avvocato di un imputato ricusa uno dei giudici per difetto di “imparzialità”

next