“Conte ha attaccato Italia Viva, ma noi non faremo falli di reazione, anche perché sappiamo che fare il presidente del Consiglio è un lavoro difficile”. Matteo Renzi in una diretta Facebook risponde alle parole di Giuseppe Conte che giovedì pomeriggio ha attaccato i renziani, definendoli la “maggiore forza di opposizione”. “Se vuoi aprire la crisi, aprila. Italia Viva ti ha chiesto altro”, sottolinea Renzi nel video rivolgendosi al premier. E sul tema al centro della discussione interna alla maggioranza aggiunge: “La discussione è tutta sulla giustizia perché è il terreno sul quale il populismo trova più facile possibilità di entrare. Da questo punto di vista dico senza polemica al presidente del consiglio: non si può dire che garantismo e giustizialismo sono la stessa cosa. È un’assurdità. È come se qualcuno dicesse che democrazia e dittatura sono la stessa cosa”. “Il ministro della Giustizia Bonafade ha detto che stasera ci sarà in Consiglio dei ministri il voto sul Lodo Conte Bis, che è un pasticcio da azzeccargarbugli che non sta in piedi. Allora noi non ci andiamo – ribadisce Renzi come già anticipato dal Fattoquotidiano.it – E il presidente del Consiglio non può dire che è ‘assenza ingiustificata’. Così parla il preside di una scuola”. E poi, di nuovo rivolgendosi a Conte continua: “Presidente Conte, la palla tocca a te. Noi non abbiamo aperto la crisi, non facciamo polemiche. Tu puoi cambiare maggioranza, presidente del Consiglio. Sai come farlo, perché lo hai già fatto. Se noi siamo opposizione, voi non avete la maggioranza. Non puoi dire che siamo opposizione maleducata: se vuoi cambiare la maggioranza fallo, noi daremo una mano”. Infine, il leader di Italia Viva conclude: “Se si vuole lavorare bene. Se qualcuno vuole staccare la spina lo faccia, sapendo che noi non accetteremo mai né ricatti né minacce”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Emilia Romagna, ecco i nomi della nuova Giunta Bonaccini: Elly Schlein vicepresidente, riconfermati solo 2 assessori su 10

next
Articolo Successivo

M5s, Casaleggio a Porta a Porta: “Miei conflitti di interessi? Io non firmo decreti né voto leggi. Di Maio resta sempre in prima linea”

next