Banche, gestori e sedicenti consulenti finanziari sbandierano alti rendimenti per il 2019. In particolare i fondi obbligazionari nel complesso hanno reso il 5,8%. Tanto, se paragonato con cosa offre il mercato: Bot e Btp brevi rendono meno di zero e quelli lunghi sull’1% annuo, sempre lordo. Le inserzioni pubblicitarie e le proposte d’investimento obbligatoriamente avvertono: “I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri”. Frase che però ricorda il quadro di René Magritte raffigurante una pipa con la scritta Ceci n’est pas une pipe (Questa non è una pipa). In effetti chi sfoggia ottimi rendimenti passati punta a influenzare i potenziali clienti, per spingerli verso i propri prodotti d’investimento.

Ma in questo momento storico è diverso che in passato. Riferita all’ambito obbligazionario, la frase in questione è diventata falsa. A causa del crollo dei tassi, i rendimenti passati sono molto indicativi. Ma paradossalmente lo sono al contrario. Per stringenti motivi matematico-finanziari, indicano che le performance future saranno invece basse e magari persino catastrofiche.

Vediamolo in concreto, ribadendo che il ragionamento non vale per le azioni. Nel 2019 i Btp nel loro complesso hanno reso sull’11,5% e quelli con durata 7-10 anni addirittura sul 13,8%. Il motivo è la discesa dei tassi d’interesse. A fine 2018 i Btp decennali rendevano a scadenza sul 2,8%; ora, aumentati di prezzo, solo l’1,4%. Tassi che scendono significano quotazioni che salgono. Questo è il fenomeno che sta dietro ai buoni rendimenti dei fondi obbligazionari, non certo una qualche bravura dei gestori.

Ma tale trend è arrivato al capolinea. Già è fantafinanza pensare a un analogo calo dei tassi nel 2020, cioè di vedere i Btp decennali rendere zero. Ma soprattutto è impossibile che una tale discesa continui. Ovvero arrivare a rendimenti negativi dei Btp dell’1,5% fra due anni, a -3% (in lettere: meno tre per cento) fra tre anni e così via. Infatti, finché la Germania sarà nell’euro, il contante non verrà proibito. Dunque rendimenti negativi simili sono impossibili.

Concretamente nel 2020 i tassi possono muoversi poco e allora i fondi obbligazionari in euro non faranno certo faville. Possono però anche salire, nel qual caso saranno dolori, se non disastri. Chi fa balenare o addirittura promette (a voce!) una riedizione delle performance del 2019 è un incompetente e/o un imbroglione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Air Italy è solo la punta dell’iceberg: tutto il settore del trasporto aereo è in crisi nera

next