“Abbiamo concluso che ci sono i termini per l’estradizione”. Il ministro della Giustizia norvegese, Monica Maeland, ha annunciato che il Mullah Krekar (Najmuddin Faraj Ahmad) potrà essere estradato in Italia per scontare una condanna a 12 anni per reati di terrorismo. La parola definitiva sulla sua estradizione spetta al governo norvegese. Il suo avvocato Brynjar Meling ha però già annunciato che ricorrerà in appello contro la decisione delle autorità norvegesi.

Nel 2001, mentre godeva del diritto di asilo in Norvegia, Krekar – curdo nato in Iraq e riconosciuto come il leader del gruppo jihadista Rawti Shax – per sua stessa ammissione fondò nel Kurdistan iracheno il gruppo islamista Ansar al Islam, una sigla che poi ricomparve anche durante il lungo e sanguinoso dopoguerra che fece seguito alla caduta di Saddam Hussein. L’obiettivo di Ansar Al Islam era la creazione di uno stato autonomo fondato sulla sharia. Krekar si dissociò dalle violenze commesse dal gruppo in Kurdistan, sostenendo di averne abbandonato la leadership prima della deriva jihadista.

Nel 2006 fu inserito nella lista anti terrorismo dell’Onu. L’anno successivo la Corte suprema norvegese stabilì che Krekar era un “pericolo per la sicurezza nazionale”, emanando un nuovo ordine di espulsione. Nonostante questo, entrando e uscendo dai tribunali e finendo a più riprese in carcere, Krekar ha continuato in questi anni, più o meno indisturbato, a lanciare proclami, a minacciare di morte i suoi avversari, come l’ex premier conservatore norvegese Erna Solberg. E ha continuato a raccogliere proseliti. Fino al nuovo – e definitivo – stop impostogli dall’operazione ‘Jweb’ del 2015, per la quale lo scorso anno è arrivata la condanna in Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Zaki, l’avvocato: “Accusato per dei post su Facebook, ma appartengono a un profilo falso”. Famiglia: “Torturato, hanno chiesto di Regeni”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Cina cambia metodo per la diagnosi: 242 vittime in 24 ore. Rientra sabato il 17enne italiano bloccato a Wuhan

next