“La situazione di Patrick George Zaki, studente in questo momento a Bologna grazie a Erasmus Mundus, è gravissima”, così in un intervento al Parlamento Ue, l’eurodeputato del Movimento 5 stelle, Fabio Massimo Castaldo, ha portato all’attenzione dell’emiciclo di Bruxelles il caso dello studente egiziano arrestato nel suo Paese. “Un ricercatore e un attivista che ha dedicato la sua vita a diritti uguaglianza, solidarietà e a criticare la negazione dei diritti umani nel suo paese – ha continuato Castaldo parlando di Zaki – Atterrato al Cairo venerdì notte per visitare la famiglia è scomparso per riapparire il giorno dopo a 120 km dalla capitale con evidenti segni di maltrattamenti fisici e violenze in un’aula della procura egiziana, arrestato e accusato di aver criticato il governo tramite social media”. L’eurodeputato ha poi evidenziato la somiglianza tra il caso di Giulio Regeni e quello di Patrick, che “hanno subito lo stesso trattamento”. Infine l’esponente del Movimento 5 stelle ha lanciato un appello al Parlamento: “Invito le istituzioni europee e la delegazione ad agire e a seguire il caso con la massima attenzione. E chiedo di aggiungere un dibattito”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francia, blogger dissidente ceceno ucciso nella sua camera d’albergo: “Morte violenta, si pensa al movente politico”

next