Due persone sono scappate dalla quarantena obbligatoria a Hong Kong e sono ricercate dalle autorità. I due si trovavano a casa in isolamento dopo essere rientrate dalla Cina. Le autorità sanitarie dell’ex colonia britannica hanno reso noto anche che per altre 7 delle 1138 persone attualmente sottoposte alla misura cautelative sono state riscontrate violazioni alle regole della quarantena. In una conferenza stampa è stato spiegato che dopo un primo rimprovero verbale di fronte a nuove violazioni della quarantena verranno adottate misure di controllo rafforzate, compreso l’utilizzo del braccialetto elettronico. In caso di una terza violazione i soggetti verranno internati in strutture controllate dal governo per un periodo di 14 giorni, dopo il quale potranno essere anche incriminati e rischiare a pene fino a 6 mesi di prigione e multe fino a 3200 dollari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, sparito da giorni ‘citizen journalist’ in quarantena a Wuhan. I parenti: “Costretto al silenzio”

next
Articolo Successivo

Patrick George Zaki, Ue: “Monitoriamo, se necessario intraprenderemo azioni adeguate”. M5s a Bruxelles: “No a nuovo caso Regeni”

next