Durissimo scontro a “L’aria che tira” (La7) tra il deputato di Italia Viva, Luciano Nobili, e Michele De Palma, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile automotive.
Nodo focale del dibattito è il Jobs Act, di cui Nobili tesse le lodi.
De Palma commenta: “La realtà è diversa dall’immaginazione”.
Ma viene interrotto immediatamente dal parlamentare renziano, che lo incalza chiedendogli: “I dati che ho detto sono giusti o sbagliati? I dati contano?”.

De Palma risponde che non vuole fare polemica, ma Nobili rincara: “Qui diciamo che abbiamo avuto a volte una cattiva politica, a volte una cattiva impresa. Ma la verità è che abbiamo anche avuto un cattivo sindacato in Italia“.
Con quelli che ragionano come lei è sicuramente cattivissimo, glielo assicuro – ribatte il dirigente sindacale – Voi ve la raccontate, ma poi ai cancelli e dentro gli stabilimenti a metterci la faccia coi lavoratori siamo noi sindacalisti. E mentre voi siete chiusi nel palazzo, noi siamo a fare le assemblee”.

Scoppia la bagarre e Nobili accusa: “Se i lavoratori non siedono nei cda delle aziende, come avviene in Germania, è perché i sindacati sono sempre stati contrari a questa legge“.
“Questo non c’entra un cazzo – insorge De Palma – perché in Italia non c’è una legge in merito. Ma non si possono dire simile stupidaggini”.
“I sindacati hanno sempre avversato questa legge”, ribadisce Nobili.
“Ma, scusi, avete fatto il Jobs Act contro i sindacati e non riuscite a fare una legge per la partecipazione dei lavoratori nei cda?“, controbatte De Palma.
“Voi siete l’unico sindacato che si dispiace quando le misure funzionano”, replica il deputato.

Nel finale il segretario di Fiom-Cgil spiega: “Jobs Act o meno, il vero problema è che per tanto tempo in Italia si è ragionato nella convinzione che, facendo interventi sul mercato del lavoro, si risolveva il problema dell’occupazione. Abbiamo sempre provato a dire che era un errore. Infatti, per esempio, oggi i contratti a tempo indeterminato che sono aumentati in molte aziende metalmeccaniche sono contratti in staff leasing, cioè contratti somministrati da agenzie per il lavoro a un’impresa. E sono peggiorate le condizioni generali del lavoro, perché ci sono due regimi contrattuali diversi“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Prescrizione, Carfagna su La7: “Italiani favorevoli allo stop? Colpa delle fake news sui social”. E difende Berlusconi su leggi ad personam

next
Articolo Successivo

La7, scontro Paniz-Taverna: “Perché non paga una casa a sua madre con i 17mila euro di stipendio?”. “Taccia. Pensi al suo di vitalizio”

next