Un migliaio di persone sono arrivate dalle acciaierie di Taranto, dove gli stabilimenti sono fermi per lo sciopero dei lavoratori. E con loro in piazza c’erano i dipendenti di altre 160 aziende, da Whirlpool all’ex Embraco e all’ex Alcoa. Tutte aziende dalle vertenze ancora irrisolte.Sindacati e lavoratori si sono ritrovati a Roma a piazza Santi Apostoli, per una manifestazione unitaria, per chiedere risposte alla politica. Soprattutto sul caso ex Ilva, dove una soluzione è ancora lontana, mentre ArcelorMittal è ancora ferma alla proposta che prevede quegli esuberi che i lavoratori, così come Cgil, Cisl e Uil non intendono accettare: “Richiediamo che venga rispettato l’accordo”, rilanciano. Mentre dalla piazza il coro è unanime anche nei confronti del governo: “Ora vogliamo risposte, la politica non può utilizzare i lavoratori solo per la campagna elettorale“. E sul nodo delle acciaierie di Taranto l’avvertimento è chiaro: “Mittal non può ricattare l’esecutivo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ilva, Landini: “Abbiamo firmato un accordo, di esuberi non discutiamo neppure”. E avverte governo: “Basta parole, è il momento dei fatti”

next
Articolo Successivo

Banche, Morgan Stanley taglierà 1.500 posti di lavoro per “risparmiare e adattarsi all’ambiente economico”

next