Una fusione fra Azione e PiùEuropa. È la proposta di Carlo Calenda, leader del nuovo partito fondato a novembre. L’ex ministro dello Sviluppo economico e attualmente europarlamentare ha lanciato pubblicamente la sua idea in uno scambio di tweet con il segretario di Più Europa Benedetto Della Vedova. Tutto è nato dalla possibilità di presentare liste comuni alle prossime regionali.

“Io volevo liste comuni con Siamo Europei/Azione alle europee e in Emilia-Romagna – ha scritto Della Vedova – Ora facciamo liste insieme alle prossime regionali: mi sembra oggi la cosa più importante, un messaggio di unione e apertura”. E Calenda ha risposto così: “Bene. Facciamo le liste. Una cosa impedisce l’altra? Proposta: pubblica questa volta perché altrimenti non quagliamo. Due settimane per disegnare il processo di fusione da chiudersi prima delle elezioni regionali”.

I due movimenti di ispirazione liberale hanno corso separati alle consultazioni in Emilia-Romagna. Azione, per la prima volta alle prese con un’elezione ma senza presentare una propria lista, è riuscita a eleggere come consigliere Giulia Pigoni, nella lista “Bonaccini Presidente”, mentre non è entrato in consiglio regionale nessun candidato di PiùEuropa, che correva insieme al Psi e al Pri. Secondo i sondaggi Index Research del 6 febbraio, Azione raccoglie il 2,2% dei consensi a livello nazionale, mentre PiùEuropa il 2%. Ipotizzando che alla fusione segue un travaso dei voti, l’unione fra i due partiti farebbe nascere un soggetto politico con circa il 4,2% dei consensi, allo stesso livello di Italia Viva e appena al di sotto della soglia di sbarramento del 5% proposta nella nuova legge elettorale per l’ingresso in Parlamento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Silvia Romano, Mattarella: “Apprensione per le sorti della giovane rapita in Kenya, mentre svolgeva opera di solidarietà e pace”

next
Articolo Successivo

Vitalizi, il centrodestra nega che la restituzione fosse già decisa: “Era solo una vecchia ipotesi”. Evangelista (M5s): “Falso, era pronto comunicato”

next