Visita a sorpresa questa mattina per gli alunni della scuola Di Donato, istituto all’Esquilino tra i più multietnici di Roma, con un alto tasso di alunni cinesi. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha visitato i bambini, cantando con loro anche l’Inno di Mameli. La preside Manuela Manferlotti, interpellata dall’ANSA, ha spiegato: “È stata una bella sorpresa, ha voluto incontrare i bambini e stringere loro la mano. È stata una visita informale”. Il Capo dello Stato, accompagnato dalla figlia, come spiega la dirigente scolastica, ha incontrato due classi delle elementari, due della scuola dell’infanzia e due delle medie. “Ha voluto stare in mezzo ai ragazzi dando un messaggio di serenità di fronte a timori non giustificati, né giustificabili – ha spiegato Manferlotti – Ha augurato a tutti ‘buono studiò”. La preside Manferlotti, quindi, ha raccontato così la sua realtà dell’Esquilino fortemente multietnica: “Il 45% degli alunni sono migranti di seconda e terza generazione: 332 in totale di cui ben 224 nati in Italia”. Di questi, spiega interpellata in merito, “tra i 100 e i 120 cinesi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milleproroghe, Italia viva ritira emendamenti su plastic e sugar tax. Inammissibile l’anticipo sui rimborsi ai truffati delle banche

next
Articolo Successivo

Strage di Viareggio, ho scritto a Mattarella: Mauro Moretti non può più essere Cavaliere del Lavoro

next