Sono sette le persone iscritte nel registro degli indagati per la morte di Loredana Guida, la giornalista agrigentina di 44 anni deceduta lunedì notte dopo aver contratto la malaria durante un viaggio in Nigeria. La Procura indaga per omicidio colposo alcuni medici e infermieri dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento: non hanno subito diagnosticato la malattia alla donna.

Secondo quanto avevano riferito i familiari, la donna, dopo aver accusato febbre alta e nausea, una volta tornata dalla vacanza, si era recata al pronto soccorso. Qui ha trascorso 9 ore senza che le diagnosticassero una malattia specifica: quindi ha firmato le dimissioni ed è tornata a casa nonostante, sempre come hanno raccontato i parenti, avesse spiegato ai medici di esser appena tornata da un viaggio in Africa.

Cinque giorni dopo però le condizioni di salute di Guida sono peggiorate: è stata trasportata già in coma all’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento dove è stata ricoverata in rianimazione per una settimana. Fino al decesso. Sempre i familiari hanno confermato che prima di andare in Nigeria Loredana Guida si era sottoposta alla profilassi antimalarica. Ora si attende l’autopsia che verrà eseguita nei prossimi giorni e che ha richiesto l’intervento anche di un infettivologo chiamato dalla Procura.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Femminicidi, pg Cassazione: “Diminuiscono di numero ma aumentano in percentuale”. La corte d’appello Palermo: “Nel distretto +400%”

next