I particolari sono ancora pochi e i contorni poco definiti. Un’infermiera tedesca è sospettata di aver somministrato morfina a cinque neonati prematuri in una clinica di Ulm, nel Baden-Wuerttemberg. Secondo quanto reso noto dagli inquirenti, la donna, sulla quale ora si indaga per i reati di omicidio doloso e lesioni gravi, è stata sottoposta ieri a una misura di custodia cautelare in carcere perché, alla luce della gravità delle accuse, sussiste il pericolo di fuga.

Il 20 dicembre scorso, i cinque neonati hanno manifestato, tutti nelle stesse ore, dei problemi respiratori: inizialmente si era pensato ad una infezione, ma poi le analisi sui piccoli hanno rilevato la presenza di morfina nel sangue e nelle urine. La donna ha rigettato le accuse.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, i risultati economici di Trump sembrano incontestabili. Ma a volte i numeri ‘mentono’

next
Articolo Successivo

Siria, in due mesi 390mila sfollati da Idlib. Nell’area 3 milioni di civili hanno bisogno di aiuti

next