Proprio quando manca un mese all’inizio della kermesse europea più importante, quella di Ginevra, arriva la notizia che dal 2021 Francoforte perderà il suo salone dell’auto. L’appuntamento, che va avanti ormai dal lontano 1951 e si alterna con Parigi, per volontà del consiglio di amministrazione del Vda, l’associazione dell’automobile tedesca, traslocherà infatti in una location ancora da definire.

La scelta potrà ricadere su una delle tre città individuate dalla stessa Vda: Berlino, che ospitò la prima rassegna automobilistica tedesca nel 1897, Amburgo o Monaco. La nuova sede della IAA nondimeno, stando ad una nota della stessa Vda, verrà scelta a fine marzo, al termine di una “gara molto serrata”. Contestualmente, l’associazione dei costruttori ha anche ringraziato la città per il suo “lungo, eccellente e fiducioso partenariato”.

Una decisione, quella di abbandonare la sede storica, che non è certo un fulmine a ciel sereno. Nonostante sia una delle manifestazioni più importanti, insieme a Parigi, Ginevra, Detroit e Shanghai, Francoforte negli ultimi anni aveva suscitato sempre meno interesse, complice anche la maggiore attenzione dei consumatori per la tecnologia più che per l’auto: nel 2019 il pubblico presente aveva raggiunto a stento quota 550 mila, contro le 800-900 milla presenze degli anni precedenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volkswagen, più wurstel che automobili: quasi 7 milioni prodotti nel 2019

next
Articolo Successivo

Carlos Ghosn, un nuovo mandato d’arresto dal Giappone. Anche per i suoi tre complici

next