La nuova Seat Leon, progettata e sviluppata a Barcellona, è stata svelata nello storico stabilimento di Martorell. Si tratta della quarte generazione della fortunata berlina media (e wagon) che dal 1999 ad oggi è stata venduta in 2,2 milioni di esemplari. E’ stata realizzata sulla piattaforma MQB Evo del gruppo Volkswagen con un investimento pari a 1,1 miliardi di euro, il che ha consentito di farne il modello più all’avanguardia del marchio spagnolo: sempre connessa in-car e out-car (navigazione, funzioni e servizi online), con Full Link che include Android Auto e Wireless CarPlay, dotata degli ultimi sistemi di sicurezza e assistenza alla guida (tra cui Cruise Control adattivo predittivo, Emergency Assist 3.0, Travel Assist e al Side and Exit Assist), nonché delle tecnologie ibride. In particolare, la gamma motori prevede opzioni a benzina (TSI), Diesel (TDI), metano (TGI), mild-hybrid (eTSI) e ibrido plug-in (eHybrid). Per quanto riguarda il design, l’evoluzione è netta: linee fluide, frontale grintoso e proporzioni complessive rivisitate e migliorate. Così come la versatilità, che trae beneficio dalle maggiori dimensioni sia della compatta che della wagon, il che vuol dire più spazio per passeggeri e bagagli. La nuova Leon arriverà in Italia solo a maggio, e bisogna aspettare il prossimo salone di Ginevra in marzo per conoscerne il listino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Toyota GR Yaris, dal mondiale Rally all’asfalto di tutti i giorni – FOTO

next
Articolo Successivo

Audi A3, ecco la quarta generazione che debutterà al salone di Ginevra – FOTO

next