“Anche oggi qualcuno non vuole guardare e anche adesso qualcuno dice che non è vero“. Lo ha detto la senatrice a vita Liliana Segre intervenendo al Parlamento europeo a Bruxelles, parlando della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz. Segre ha ricordato con le parole di Primo Levi “lo stupore per il male altrui”, che “nessuno che è stato prigioniero” nel campo “ha mai potuto dimenticare”.

“Dobbiamo combattere il razzismo strutturale che ancora esiste. Razzismo e antisemitismo ci sono sempre stati perché sono insiti negli animi dei poveri di spirito“, ha aggiunto la senatrice a vita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Liliana Segre parla al Parlamento Ue: deputati in lacrime mentre racconta la sua vita nei campi di concentramento

next
Articolo Successivo

Carceri, ‘Gli Ultimi saranno’ arriva alla Camera: musica e teatro per i detenuti, “così l’arte abbatte i pregiudizi e dà una speranza”

next