“Anche oggi qualcuno non vuole guardare e anche adesso qualcuno dice che non è vero“. Lo ha detto la senatrice a vita Liliana Segre intervenendo al Parlamento europeo a Bruxelles, parlando della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz. Segre ha ricordato con le parole di Primo Levi “lo stupore per il male altrui”, che “nessuno che è stato prigioniero” nel campo “ha mai potuto dimenticare”.

“Dobbiamo combattere il razzismo strutturale che ancora esiste. Razzismo e antisemitismo ci sono sempre stati perché sono insiti negli animi dei poveri di spirito“, ha aggiunto la senatrice a vita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Liliana Segre parla al Parlamento Ue: deputati in lacrime mentre racconta la sua vita nei campi di concentramento

next
Articolo Successivo

Carceri, ‘Gli Ultimi saranno’ arriva alla Camera: musica e teatro per i detenuti, “così l’arte abbatte i pregiudizi e dà una speranza”

next