“Con queste elezioni regionali si è chiusa la finestra del tripolarismo. Il Pd ha avuto due ottimi risultati in Emilia Romagna e in Calabria. E’ un partito che sta tornando a essere competitivo. Se adesso si lancia nell’avventura di fare un legge elettorale proporzionale, è pazzo. Vorrebbe dire che è un partito di suicidi e farebbe un errore storico che pagherebbe caramente”. Sono le parole del giornalista Paolo Mieli, nel corso dello Speciale TgLa7, a commento dei primi risultati delle elezioni regionali in Emilia Romagna e in Calabria.


Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Regioni, exit poll La7: “Bonaccini 47-51%, Borgonzoni 44-48%”. Mentana: “Bisogna ancora aspettare”

next
Articolo Successivo

Elezioni Calabria, trenino e balli di Gasparri e Tajani sulle note di “Gloria”: la festa di Forza Italia per la vittoria di Santelli

next