“Con queste elezioni regionali si è chiusa la finestra del tripolarismo. Il Pd ha avuto due ottimi risultati in Emilia Romagna e in Calabria. E’ un partito che sta tornando a essere competitivo. Se adesso si lancia nell’avventura di fare un legge elettorale proporzionale, è pazzo. Vorrebbe dire che è un partito di suicidi e farebbe un errore storico che pagherebbe caramente”. Sono le parole del giornalista Paolo Mieli, nel corso dello Speciale TgLa7, a commento dei primi risultati delle elezioni regionali in Emilia Romagna e in Calabria.


Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Regioni, exit poll La7: “Bonaccini 47-51%, Borgonzoni 44-48%”. Mentana: “Bisogna ancora aspettare”

next
Articolo Successivo

Elezioni Calabria, trenino e balli di Gasparri e Tajani sulle note di “Gloria”: la festa di Forza Italia per la vittoria di Santelli

next