“Con queste elezioni regionali si è chiusa la finestra del tripolarismo. Il Pd ha avuto due ottimi risultati in Emilia Romagna e in Calabria. E’ un partito che sta tornando a essere competitivo. Se adesso si lancia nell’avventura di fare un legge elettorale proporzionale, è pazzo. Vorrebbe dire che è un partito di suicidi e farebbe un errore storico che pagherebbe caramente”. Sono le parole del giornalista Paolo Mieli, nel corso dello Speciale TgLa7, a commento dei primi risultati delle elezioni regionali in Emilia Romagna e in Calabria.


close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Regioni, exit poll La7: “Bonaccini 47-51%, Borgonzoni 44-48%”. Mentana: “Bisogna ancora aspettare”

next
Articolo Successivo

Elezioni Calabria, trenino e balli di Gasparri e Tajani sulle note di “Gloria”: la festa di Forza Italia per la vittoria di Santelli

next