Quattro colpi di pistola, di cui uno decisivo alla testa, a pochi metri da casa. Un agguato, un’esecuzione in piena regola. Si è consumata nella tarda serata di sabato al Tufello, alla periferia di Roma. La vittima è Gentian Kasa, 43enne albanese con precedenti alle spalle e attualmente in regime di semilibertà: è stato trovato a terra sul marciapiede in via Gabrio Casati. Quando è stato raggiunto dal killer aveva da poco salutato la moglie e stava rientrando nel carcere di Rebibbia.

Sul posto la polizia con la Scientifica che ha effettuato a lungo i rilievi, mentre l’indagine è stata affidata agli investigatori della Squadra Mobile di Roma. Al momento non si esclude nessuna ipotesi compresa quella di un regolamento di conti legato a questioni di droga. Nel curriculum di Gentian Kasa infatti si annoverano precedenti per stupefacenti, furto e ricettazione. Era stato arrestato dalla polizia per droga nel 2011 e dalla Guardia di finanza di Roma e Ancona nel 2014. Dopo aveva ottenuto la semilibertà e lavorava come operaio per una società.

Al vaglio le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona che potrebbero aver ripreso gli attimi precedenti e successivi al delitto. A trovare il corpo è stata la moglie. I due si erano salutati poco prima, quando il 43enne aveva lasciato l’abitazione per fare ritorno a Rebibbia. La moglie, che era abituata a ricevere una telefonata dal marito prima che rientrasse in cella, non sentendolo ha provato a contattarlo senza poi ricevere risposta. Poi, forse immaginando che i rumori sentiti potevano essere spari di pistola, si è precipitata in strada e ha il marito trovato riverso sul marciapiede. Così è scattato l’allarme. Ma all’arrivo dei soccorsi per lui non c’era più nulla da fare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Donna uccisa a Valenza, fermato dai carabinieri un uomo che ha confessato

next
Articolo Successivo

Brescia, trovato in un parco il cadavere di una donna scomparsa: si indaga per omicidio

next