Sono passati quattro anni dalla scomparsa del ricercatore Giulio Regeni. È il 25 gennaio 2016 quando per l’ultima volta si hanno notizie del 28enne di Fiumicello, in provincia di Udine. Il giovane si trova a Il Cairo per effettuare delle ricerche in qualità di dottorando all’Università di Cambridge. Tra depistaggi e rimpalli di indagini tra la procura egiziana e quella di Roma, l’Italia oggi cerca ancora i colpevoli di quell’omicidio. Ogni anno nell’anniversario in migliaia riempiono le piazze per chiedere, ancora una volta, “verità per Giulio Regeni“. Ecco le tappe della vicenda

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Turchia, terremoto di magnitudo 6.8: soccorritori al lavoro per estrarre persone dalle macerie

next
Articolo Successivo

La Chiesa si schiera contro la cultura dell’odio: non si potrà dire che Francesco abbia taciuto

next