“Ritirare l’ambasciatore italiano al Cairo? Non è una decisione che compete a me ma al ministro degli Esteri, è chiaro che una riflessione importante va fatta perché dobbiamo avere risultati”. Con queste parole il presidente della Camera Roberto Fico, alla vigilia del quarto anniversario della morte del ricercatore Giulio Regeni, commenta la richiesta dei genitori del ricercatore italiano, scomparso il 25 gennaio 2016 in Egitto e ritrovato morto il 3 febbraio dello stesso anno. “Questa deve essere una questione di Stato che non deve essere mai abbandonata e il 2020 deve essere l’anno di Giulio”, ha continuato Fico, ricordando che, ad oggi, in Egitto non è iniziato alcun progetto.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni regionali, Salvini contestato a Bologna: “Vogliamo restare liberi. Dove sono i 49 milioni?”. E i sostenitori lo difendono: “Vergognatevi”

next