di Giulio Scarantino*

Pochi giorni fa al Teatro Verdi di Firenze si è esibito Niccolò Fabi con il suo tour Tradizione e Tradimento dall’ultimo album inciso. In una notte magica di luna piena tanto da fare brillare le strade di Firenze, nello storico teatro gremito, il cantautore ha incantato con un live dedicato alla resistenza. Probabilmente la resistenza intesa da diverse prospettive: come mezzo e come fine di un percorso.

Proprio dalla fine sembra voler iniziare l’artista il proprio spettacolo, aprendo con il brano A prescindere da me dell’ultimo album. Un brano che sembra concludere un processo a se stesso del cantautore quando dice: “Non è finita, nonostante tutto il male non è finita. Fino a quando ho una memoria e una prospettiva a prescindere dal tempo, a prescindere da tutto, a prescindere da me.” Questa consapevolezza, che tiene insieme passato e futuro, apre il concerto poco prima di catapultare l’ascoltatore nel travaglio interiore del suo ultimo album, della sua vita.

Un album che rispecchia una nuova maturità acquisita, forse un punto d’arrivo e d’inizio nello stesso tempo. Insomma di Tradizione e Tradimento. Sulla contraddittorietà apparente è fondata la dialettica del concerto: tra salti nel vuoto e terra sotto ai piedi, tra alti e bassi, perdizione e ritrovamento, tra rifiuto e accettazione, tra “non ti lascerò mai” e “vince chi molla”.

Un concerto che trasporta, emoziona, dialoga alla mente ma riserva anche dei momenti di intimità e silenzio magnetico. Per concludersi con una perla, una dedica alla “resistenza” intesa come mezzo per sopravvivere alle decisioni, al logorio interiore, ma anche come vocazione per rispondere al decadimento dei valori, al clima d’intolleranza. Per il quale sottolinea l’autore: “l’arte non può girarsi dall’altra parte”, prima di una magistrale interpretazione del brano Scotta.

Insomma un punto d’arrivo che l’artista mostra soltanto dopo aver viaggiato insieme al pubblico nel suo labirinto interiore, come “un sottomarino”. Un viaggio che con pochi ma efficaci interventi, tra un brano e l’altro, l’artista condivide con gli ascoltatori. Tanto da suscitare con dedizione fraterna il proposito di chi ascolta di continuare un viaggio introspettivo con se stessi. Proprio quello che alla fine è l’obiettivo dichiarato dall’autore: nessun performer al centro del palco, solo uno schermo che riproduce impeccabili giochi di colore e meraviglie della natura.

Uno schermo che è una finestra verso l’esterno, perché verso il mondo lì fuori è dove vuole giungere il messaggio dell’artista: nella vita quotidiana di ognuno, nelle singole scelte, nella strade da percorrere. Una vita di resistenza, che ha bisogno di una memoria e di una prospettiva, di legami e di abbandoni, di tradizioni e di tradimenti. Un tentativo riuscito, con tutto il pubblico in piedi e Niccolò Fabi incredulo della reazione, agita il pugno in alto: “nonostante tutto, non è finita”.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival di Sanremo 2020, ecco le 24 canzoni in gara in anteprima. Amadeus a FqMagazine: “Mahmood in apertura? Perché no!”

next
Articolo Successivo

Sinead O’Connor in Italia, regalatevi un concerto che non dimenticherete

next