A sei mesi dalla proroga dell’indagine la Procura di Bari ha chiesto l’archiviazione dell’indagine per abuso d’ufficio a carico del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, relativa alla presunta violazione della legge Severino per l’incarico affidato nel luglio 2017 all’ex sindaco di Bisceglie Francesco Spina come consigliere della società pubblica InnovaPuglia.

La notizia è riportata oggi da alcuni quotidiani locali ed è stata confermata da fonti giudiziarie. La richiesta di archiviazione riguarda anche un altro indagato, il dirigente regionale Nicola Lopane. Per Emiliano e Lopane la pm inquirente, Chiara Giordano, ha disposto uno stralcio, mentre ha fatto notificare l’avviso di conclusione delle indagini preliminari allo stesso Spina, accusato di falso ideologico.

Nell’inchiesta della Guardia di Finanza si ipotizzava la presunta violazione, ritenuta insussistente dalla Procura, della norma che vieta l’assegnazione di incarichi pubblici a chi nel biennio precedente abbia fatto parte della giunta e del consiglio di Comuni con più di 15.000 abitanti (Spina è stato sindaco fino all’agosto 2017). “L’inconferibilità – aveva spiegato Emiliano quando gli fu notificata la prima proroga delle indagini, a giugno 2019 – è stata esclusa dall’Anac e dagli uffici del Gabinetto del Presidente perché Spina è un semplice consigliere di amministrazione senza deleghe. La inconferibilità dei sindaci riguarda solo il ruolo di presidente con deleghe o di amministratore delegato. In caso di consiglieri di amministrazione senza deleghe non sussiste”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tangenti sanità Lombardia, Lady Dentiera condannata a 12 anni. Annunciato ricorso in appello

next
Articolo Successivo

Banca Etruria, il procuratore Rossi resta ad Arezzo: ottenuta la sospensiva del Tar sulla mancata conferma del Csm

next