“Credo che non si voglia fare il confronto perché si parla d’altro: del governo del paese, dell’Europa. Forse perché sull’Emilia-Romagna si ha ben poco da dire”. Lo ha detto, in una diretta su Facebook, il presidente della Regione Emilia-Romagna e candidato Pd alle elezioni del 26 gennaio, Stefano Bonaccini, commentando la decisione dell’avversaria leghista, Lucia Borgonzoni, di rifiutare l’invito di Sky per un faccia a faccia televisivo. Bonaccini non la nomina ma si fa affiancare nel video da una sua immagine di cartone.”Proprio in questi minuti – ha detto – sarei dovuto essere a Milano a registrare un dibattito televisivo con gli altri due principali candidati. Do atto a Benini (candidato del Movimento 5 stelle) di aver dato la propria disponibilità, come avevo fatto io, liberando l’agenda dai tanti impegni di campagna elettorale, ma la mia avversaria ha deciso di non presentarsi e ieri annunciare il forfait. Così mi ritrovo da solo a spiegare perché non si fanno i confronti, se ne è fatto solo uno, ormai parecchie settimane fa. È una campagna elettorale davvero curiosa: lei è oscurata da qualcun altro, non ci riusciamo a confrontare sui temi che dovrebbero interessare la vita degli emiliano-romagnoli, tenta di nascondersi dietro ad altri e evitare un confronto, nel quale le persone potrebbero decidere da sole chi ritengono possa rappresentarli meglio”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Craxi, che senso ha Hammamet? Mostrarci quando la sinistra ha cominciato a morire

next
Articolo Successivo

Prescrizione, il Pd vota coi grillini pur di mantenere la poltrona. Una vergogna!

next