Elezioni regionali in Emilia Romagna? Ho fatto un appello al voto, affinché la Lega non vinca, perché credo davvero che ci sia un pericolo per la democrazia e per la nostra libertà. Non sono per Bonaccini, né sono del Pd, ma con questo partito faremo i conti dopo. Coi fascisti, invece, i conti li abbiamo chiusi l’8 settembre del ’43. La Lega è un partito fascistoide. Quindi, bisogna votare contro”. Sono le parole pronunciate ai microfoni de “La Zanzara”, su Radio24, dall’attore ravennate Ivano Marescotti, il quale, nei giorni scorsi, sul suo profilo Facebook ha pubblicato un durissimo video contro la Lega in vista delle regionali del 26 gennaio in Emilia Romagna.

Marescotti, che si rende protagonista di un serrato botta e risposta con Giuseppe Cruciani, ribadisce: “Se uno è razzista, è comunque fascista. E se uno è fascista, è razzista. Salvini? E’ un razzista, uno xenofobo e un cialtrone. C’è chi lavora contro l’assetto democratico del Paese e c’è chi lo difende. Siamo in una situazione in cui, se dovesse vincere un politico, tra virgolette, come Salvini, sarebbe una cosa abbastanza pericolosa. Cosa penso di Salvini dal punto di vista umano? E’ meglio che non lo dico, altrimenti potrei essere denunciato. Come dice qualcuno – continua – se fosse in una scuola elementare, Salvini sarebbe considerato un bullo. Lui purtroppo è un ignorante, non capisce una minchia, fa semplicemente degli slogan. Non è che sia fascista. A lui conviene fare così, perché sa che con questi slogan sollecita la pancia degli italiani che lo seguono. Non lo paragono a un nuovo duce, perché non ha proprio la cultura del duce. Ricordo, comunque, che il fascismo l’abbiamo inventato noi in Italia e, come scriveva Primo Levi: è successo? Può succedere di nuovo”.

E aggiunge: “Con la Lega il fascismo potrebbe tornare? Veramente il fascismo è sempre presente, non è che può tornare. Questo non significa che uno vada in giro col fez. Il fascismo è una mentalità: è prepotenza, è razzismo, è xenofobia. E questi (Lega, ndr) ce l’hanno tutti questa roba qui: sono xenofobi e razzisti. Lucia Borgonzoni? Non si fa mai vedere, evidentemente quelli della Lega si vergognano di mostrarla, visto che non conosce neppure i confini dell’Emilia Romagna. E si candida pure come presidente della Regione. E’ una cosa vergognosa”.

“Quindi, Borgonzoni è un pupazzo?”, chiede Cruciani.
“Ma no – risponde l’attore – Lei è quella che è. Del resto, più pupazzo di Salvini chi c’è?”.
Commento finale di Marescotti sulle Sardine: “In mancanza di partiti, nascono come i 5 Stelle. Ma sono deludenti pure queste. Cominciano già a dire che non sono né di destra, né di sinistra. Io non capisco bene questa storia. Io sono di sinistra e lo rivendico”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Di Maio al Senato: “L’Italia non interverrà militarmente in Libia”. Ok a missione di pace internazionale, anche con soldati italiani

next
Articolo Successivo

Elezioni Puglia, Calenda con Renzi: insieme contro Emiliano. E spaccano il centrosinistra in una Regione governata da 15 anni

next