Revoca la scorta al Capitano Ultimo. La decisione arriva dal Tribunale amministrativo del Lazio che ha respinto il ricorso per “mantenere la sicurezza all’ufficiale e alla sua famiglia”, come riporta in un post lo stesso colonnello Sergio De Caprio, il Capitano Ultimo che arrestò Totò Riina nel 1993. Un cambio di rotta del Tar che solo lo scorso ottobre aveva accolto, invece, il ricorso presentato dal difensore del militare sospendendo in via cautelare il provvedimento con cui il ministero dell’Interno, allora sotto la guida di Matteo Salvini, aveva revocato la misura di protezione il 3 settembre 2018 “per mancanza di segnali di concreto pericolo”.

L’avvio del procedimento della revoca era scattato l’8 ottobre e, anche allora, a dare la comunicazione era stato il Capitano Ultimo sulla sua pagina Twitter: “Nessun pericolo. La mafia non c’è più, è stato un gioco. Tutti invitati alla prossima cerimonia. Via la tutela al Capitano Ultimo, in fondo se l’è cercata e basta indagini, non servono più”. Oggi, invece, l’ultima decisione del Tar: “Ha vinto il generale dei carabinieri Giovanni Nistri e tutti quei Funzionari che lo hanno sostenuto in questa battaglia – si legge nel post pubblicato dal colonnello -. Da oggi colpire il capitano Ultimo sarà più facile per tutti. Stasera a Roma ricorderemo l’arresto di Riina alla casa famiglia, vi aspetto insieme ai carabinieri di allora, ai carabinieri di sempre, quelli che non abbandonano. Ringrazio con le lacrime agli occhi le 157mila persone che mi hanno sostenuto e mi sostengono, firmando la petizione online. Il vostro affetto è un onore immenso per me. Vi porto nel cuore uno a uno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Corruzione, arrestato giudice di Catanzaro: “Soldi, regali e prestazioni sessuali per aggiustare sentenze”

next
Articolo Successivo

Ex Ilva, “falsificò dati sulla diossina favorendo i Riva”. Ma la prescrizione salva il perito della procura dopo la condanna a 3 anni e 4 mesi

next