Italia Viva non appoggerà la corsa di Michele Emiliano alle Regionali in Puglia. E correrà da sola, appoggiando un proprio candidato. La decisione era nell’aria ed è stata annunciata da Matteo Renzi. La scelta è stata spiegata così dall’ex premier, da anni in netta contrapposizione con il presidente uscente del Consiglio regionale pugliese: “È l’emblema dell’alleanza culturale con il grlillismo: Ilva, Tap, la Xylella, la Banca popolare di Bari che non doveva diventare una Spa. Pesenteremo un candidato diverso da Emiliano”.

Alla domanda su chi sarà il candidato di Italia Viva in Puglia, Renzi durante L’Aria che Tira su La7 ha risposto: “Lo annunceremo a febbraio, dopo le elezioni in Emilia-Romagna”. E allontana – ma non seppellisce – l’ipotesi di candidare Teresa Bellanova, brindisina e già in corsa alle Politiche del 2018 in un collegio uninominale salentino nel quale raccolse appena il 17% dei voti venendo paracadutata in Parlamento grazie al listino bloccato in Emilia-Romagna: “Fa il ministro e lo fa bene, ed è anche il presidente di Italia Viva. Non credo”.

Italia Viva aveva già criticato le Primarie della scorsa domenica, vinte da Emiliano con il 70 per cento delle preferenze contro Elena Gentile, Fabiano Amati e Leonardo Palmisano. Quanto annunciato da Renzi ne è la diretta conseguenza. Del resto, l’ex premier e il governatore uscente guerreggiano da anni e la loro rivalità – non solo formale alla corsa della segreteria del Pd – ha raggiunto momenti di grande tensione.

Come nel novembre 2016 quando dalla legge di Bilancio scomparvero 50 milioni di euro per l’emergenza sanitaria di Taranto con parere negativo del governo, all’epoca presieduto proprio da Renzi. Mancavano poche settimane al referendum sulla riforma costituzionale ideata dall’allora premier ed Emiliano era tra i sostenitori del ‘no’.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Associazione Rousseau, Bugani non è più tra i soci. Si allarga la squadra dei referenti: nuovo incarico per Di Battista

next
Articolo Successivo

Piacenza, Salvini contestato al comizio. Lui: “Se ci fosse qui Berlinguer vi prenderebbe a sputazzi”

next