Otto razzi sono stati sparati contro la base aerea militare Balad, in Iraq, dove sono di stanza anche truppe americane. Almeno quattro soldati iracheni, secondo quanti riferito dalle forze armate di Baghdad, sono rimasti feriti, anche perché quasi tutte le truppe americane hanno lasciato la base nelle ultime ore. L’attacco è avvenuto nel giorno in cui il leader di Hezbollah in Libano, Hassan Nasrallah, uno dei più importanti alleati di Teheran nella regione mediorientale, ha dichiarato che l’attacco dell’Iran contro le forze Usa alla base irachena di al-Asad, l’8 gennaio, “significa che tutte le basi americane sono un obiettivo”. Intanto, il capo del Pentagono, Mark Esper, smentisce le dichiarazioni di Trump riguardo a un ipotetico piano del generale Qassem Soleimani per attaccare quattro ambasciate americane: “Non ho visto prove del genere”.

Parlando in tv, secondo quanto riporta la Cnn, il leader sciita ha detto: “Sono sicuro che i consiglieri di Trump gli abbiano detto ‘se colpisci l’Iran, loro colpiranno tutte le nostre basi nella regione. Non siamo in grado di proteggerle'”. Secondo il capo del Partito di Dio, Trump ha “mentito al suo popolo” quando ha detto che l’Iran stava pianificando attacchi alle ambasciate Usa tramite il generale Qassem Soleimani, ucciso nel raid in Iraq. L’attacco alla base irachena, ha aggiunto, è stato “uno schiaffo, non la risposta” all’uccisione di Soleimani.

Esper ha detto in un’intervista alla Cbs di non aver avuto accesso ad alcuna prova specifica che l’Iran stesse pianificando un attacco a quattro ambasciate Usa, come sostenuto da Donald Trump: “Non ne ho vista in merito alle quattro ambasciate”, ha dichiarato, aggiungendo di condividere “la visione del presidente che probabilmente avrebbero attaccato le nostre ambasciate”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iran, sostenitori di Teheran bruciano bandiere britanniche davanti all’ambasciata Uk. Polizia spara su manifestanti anti-regime

next
Articolo Successivo

Spagna: Teruel, il paese di 35mila abitanti in Aragona con un deputato determinante per la fiducia a Pedro Sanchez. Ora gira con la scorta

next