Anche Nicoletta Dosio in piazza coi No Tav a Torino, attraverso una lettera scritta dal carcere. “Ho deciso di non piegarmi al tribunale e di non chiedere sconti di sorta. Hanno derubricato a reato una giusta e doverosa protesta sociale. Chiusa in questa cella tocco con mano l’ingiustizia e l’inutilità del carcere. Deprivazione dei diritti e irrazionalità. Un mondo al contrario in cui si vaga nel vuoto. La salvezza sta nel conflitto comune di noi oppressi contro l’oppressore di sempre”. L’attivista No Tav è stata arrestata lo scorso 30 dicembre a Bussoleno.

“Questa manifestazione è per denunciare l’accanimento giudiziario e la repressione contro il movimento No Tav”. Così Alberto Perino, storico leader No Tav al corteo di Torino. “Il fatto che oggi Saluzzo abbia voluto chiudere il Tribunale, cosa che non era mai successa, è una grandissima provocazione – aggiunge – questa decisione si chiama ‘strategia della tensione'”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bergamo, parti di calcestruzzo si staccano da una galleria sulla via Mala gestita dalla Provincia: un’auto colpita, nessun ferito

next
Articolo Successivo

Giovanni Custodero, è morto il calciatore 25enne di Fasano malato di tumore: aveva chiesto di entrare in coma farmacologico

next