Classi gelide, nel bel mezzo di gennaio: 76 studenti dell’Istituto Statale di Istruzione Superiore“Isaac Newton” di Varese sono stati sospesi per aver protestato contro il freddo che hanno trovato mercoledì a scuola. Nelle classi la colonnina di mercurio del termometro non superava i quindici gradi mentre in palestra arrivava persino a tredici. Una situazione insostenibile per gli studenti, che hanno avvisato immediatamente il dirigente della scuola, Daniele Marzagalli, a cui non è restata altra scelta che avvisare i tecnici della Provincia che durante la mattinata sono intervenuti per cercare di ripristinare una temperatura normale. Ma l’attesa non è piaciuta ai ragazzi.

Gli studenti, infatti, non hanno aspettato ma hanno deciso di uscire dalle aule e “marciare” alla volta della presidenza. Mentre il preside si trovava fuori dall’ufficio per verificare la situazione, un gruppo di studenti ha aizzato altri alunni che hanno invaso la presidenza con cori e urla. Una situazione di “guerriglia”: da una parte i ragazzi che chiedevano di andare a casa, dall’altra il dirigente scolastico che chiedeva agli alunni di pazientare, per evitare di mandare fuori al freddo 1300 studenti in una giornata dove si registravano due gradi e il blocco dei treni per via dello sciopero. La protesta ha avuto conseguenze anche dal punto di vista materiale: il preside ha, infatti, trovato un buco nella parete di cartongesso e una maniglia rotta, oltre alle finestre aperte in alcune aule e le termovalvole dei caloriferi spente. Anche dopo che la caldaia è tornata in funzione e la temperatura nelle aule ha raggiunto almeno i 17 gradi, gli studenti hanno continuato la protesta, arrivando a danneggiare alcune aule.

Una situazione fuori controllo, che si è conclusa con la sospensione di 76 studenti per tre giorni. Nella nota riportata sui registri, oltre al resoconto delle tensioni, si legge che gli studenti hanno “contribuito gravemente all’interruzione del pubblico servizio dell’attività amministrativa della scuola” e che hanno “chiuso le valvole termostatiche dei caloriferi e aperto le finestre”. E ancora: “durante il presidio non autorizzato alcuni studenti non ancora identificati hanno danneggiato a calci la parete del corridoio e sporcato con immondizia”. Per questo “in via cautelare e in attesa di eventuali ulteriori provvedimenti disciplinari assunti dal consiglio di classe, gli studenti non potranno frequentare le lezioni dal 9 all’11 gennaio”.

Una situazione gravissima secondo il dirigente scolastico, che al Corriere della Sera ha dichiarato: “Sono stato obbligato a sospendere fino a sabato alcuni dei partecipanti alla protesta. Prima delle 8 la caldaia era in blocco, ma i tecnici già alle 9:30 stavano lavorando. Assieme ad un collega ho fatto una serie di sopralluoghi e le temperature risultavano sì basse ma accettabili; solo in palestra faceva freddo ma questo è purtroppo un problema cronico. Ho chiesto ai ragazzi di pazientare, ma è stato inutile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Istruzione, le dimissioni del ministro Fioramonti sono un pessimo augurio di fine anno

next
Articolo Successivo

Lucia Azzolina sui passaggi copiati in relazione di tirocinio. Lei: “Non è tesi di laurea né plagio”. Ma non entra nel merito del testo

next