“Io da sempre vicina a Craxi? Ero di area socialista, ma fui cacciata dalla conduzione del Tg2 perché mi rifiutai di fare degli spot elettorali con l’ex segretario del Psi. Anche Enrico Mentana si rifiutò e anche lui fu cacciato”. La popolare telegiornalista Alda D’Eusanio racconta a ‘La Confessione’ di Peter Gomez, in onda questa sera alle 22.45 sul Nove, dei retroscena che risalgono a quando era alla conduzione del Tg della seconda rete di Stato. “Alberto La Volpe mi cacciò dalla conduzione – spiega la conduttrice televisiva – perché rilasciai un’intervista a Maria Latella nella quale affermavo, tra l’altro, che ”tele-garofano’ era la mia croce'”.“Suo marito Gianni Statera – fedelissimo di Bettino Craxi ndr – era però un sociologo socialista e anche lei aderisce all’area socialista” annota Gomez. “Sì, ma non perché ho sposato mio marito” ribatte la D’Eusanio. “Lei ha più volte dichiarato di non avere mai preso parte a spot elettorali per il Psi né di avere preso tessere di partito. E’ una stoccata a Giovanni Minoli (ex direttore di Rai2) che partecipò agli spot con Craxi?”, domanda il direttore de ilfattoquotidiano.it. “Non solo a Minoli, ma anche a Lorenza Foschini (volto per tanti anni del Tg2) e tante altre persone. Chiesero a me e a Mentana, lui era il mio vicedirettore, di fare lo spot elettorale per Bettino Craxi e per il partito socialista alle europee del 1987, ma entrambi rifiutammo. Per quel rifiuto e per quell’intervista alla Latella – ripete – cacciarono Mentana, ma anche io pagai, mi cacciarono dalla conduzione”, chiosa così l’ex giornalista Rai.

‘La Confessione’ è prodotta da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Confessione (Nove), Paola Barale a Peter Gomez: “Le accuse per droga nell’estate 2001? Una montatura per escludermi dalla tv”

next
Articolo Successivo

La Confessione (Nove), Luca Barbareschi a Peter Gomez: “Da piccolo sono stato violentato da un prete. È stato terribile il senso di colpa”

next