Sono tutte donne e hanno un obiettivo: eliminare gli ordigni inesplosi risalenti alla guerra tra Stati Uniti e Vietnam per “garantire un posto più sicuro”. È il progetto di una squadra di vietnamite che, dopo alcuni incidenti, hanno deciso di mettersi al lavoro. Più di 6,1 milioni di ettari di terreno sono ancora coperti dalle bombe, che hanno ucciso decine di migliaia di persone. “Non lo facciamo per i soldi – specificano – ma per evitare incidenti da UXO (ordigni inesplosi)”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mali, missili contro la base delle Nazioni Unite: 18 caschi blu tra i 20 feriti. Sei sono gravi

next
Articolo Successivo

Spagna, caso Junqueras: la Corte suprema non lo riconosce eurodeputato e rifiuta di scarcerarlo

next