Sono tutte donne e hanno un obiettivo: eliminare gli ordigni inesplosi risalenti alla guerra tra Stati Uniti e Vietnam per “garantire un posto più sicuro”. È il progetto di una squadra di vietnamite che, dopo alcuni incidenti, hanno deciso di mettersi al lavoro. Più di 6,1 milioni di ettari di terreno sono ancora coperti dalle bombe, che hanno ucciso decine di migliaia di persone. “Non lo facciamo per i soldi – specificano – ma per evitare incidenti da UXO (ordigni inesplosi)”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mali, missili contro la base delle Nazioni Unite: 18 caschi blu tra i 20 feriti. Sei sono gravi

next
Articolo Successivo

Spagna, caso Junqueras: la Corte suprema non lo riconosce eurodeputato e rifiuta di scarcerarlo

next