Da tempo era vittima di episodi di bullismo. Dopo l’ennesima violenza si è ribellato e ha denunciato tutto alla polizia. E’ la storia di uno studente di 16 anni di Pesaro, che – come sottolineano le forze dell’ordine – si è risolta con una “rarissima decisione” di chiamare il 113. Secondo quanto ha ricostruito la polizia, ieri attorno alle 14 il bullo violento, 18 anni, su un autobus che da Urbino va a Pesaro ha prima offeso e poi picchiato e rapinato il 16enne pesarese del portafoglio. Non era la prima volta che il 16enne subiva le violenze del giovane, ma questa volta ha preso coraggio e si è ribellato: ha atteso che il bullo scendesse dal bus, lo ha seguito e ha annotato la targa della macchina su cui era salito, probabilmente quella della madre che lo aspettava per riportarlo a casa. Grazie alla targa i poliziotti sono risaliti alla famiglia dell’aggressore che è stato denunciato e ha ammesso la propria responsabilità. Nella perquisizione, tuttavia, non sono stati trovati i soldi del 16enne che nel portafoglio custodiva le somme ricevute per regalo a Natale.

La polizia, prendendo ad esempio quanto accaduto a Pesaro, ha rinnova l’invito a “denunciare episodi di bullismo” chiamando il 113 o utilizzando l’app disponibile su tutte le piattaforme in uso sugli smartphone “You Pol” destinata ad un pubblico di giovani che vogliono segnalare, anche in maniera anonima, vicende di bullismo, spaccio di droga o altro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrade, “il Riesame dice no al dissequestro dei viadotti”. E a Silvi (Teramo) è caos: 4000 tir “interdetti” dalla A14 si riversano sulla Statale

next
Articolo Successivo

Sanità, la classifica Lea: il Veneto è la regione migliore per qualità delle cure, migliora il Sud

next