Il senatore del Movimento 5 stelle Mario Michele Giarrusso, sotto accusa per le mancate restituzioni, “moroso” ormai da un anno, è sicuro che non verrà espulso. “La mia cacciata scontata? Macché…”, taglia corto, rispondendo ai cronisti mentre lascia la giunta per le immunità del Senato, riunita per il caso Gregoretti e l’autorizzazione a procedere nei confronti dell’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini. “I soldi? Li ho accantonati per le spese legali“, aveva rivendicato il senatore Giarrusso. “Se lascio il M5s? No, non lo lascio. Io sono del Movimento, non scherziamo”, insiste. Nessun commento invece sul suo voto in Giunta, a differenza del Movimento 5 stelle che ha già annunciato di essere a favore dell’autorizzazione a procedere contro il leader della Lega.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Gregoretti, Gasparri (Fi): “Mia relazione pronta. Se Salvini fosse venuto avrei avuto più elementi. Rinvio voto? Ipotesi inesistente”

next
Articolo Successivo

Stadio della Roma, il Comune ammesso come parte civile nel processo per corruzione a Marcello De Vito

next