Incontro a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte e il generale libico Khalifa Haftar. Un vertice, nel tentativo di arrivare il prima possibile a un cessate il fuoco e a una de-escalation del conflitto in Libia, durato quasi tre ore. Una riunione alla quale sarebbe dovuto seguire un altro vertice, tra lo stesso Conte e il presidente del governo di Tripoli, Fayez Al Serraj, in programma in serata, ma poi saltato. Tutto mentre l’ambasciatore libico all’Ue, Hafed Ghaddur ha attaccato: “Non ci possono essere dialoghi o incontri con il criminale di guerra Haftar”, ha dichiarato in un’intervista alla tv libica al-Ahrar.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iran, Trump: “Valutiamo tutte le opzioni per rispondere alla minaccia di Teheran. Bisogna lavorare su nuovo accordo”

next
Articolo Successivo

Iran, ora l’attacco Usa potrà avere conseguenze anche in Venezuela

next