A Lecce un cucciolo di pastore maremmano, Diana, è morto d’infarto per la paura dei botti la notte di Capodanno. La storia è stata raccontata da Leccecronaca.it dopo la denuncia di un’associazione animalista che ha scritto una lettera aperta al sito. “È una strage che non danneggia solo gli animali, ma anche persone, neonati, malati di qualsiasi età con patologie neurologiche che impediscono la comprensione di ciò che sta accadendo intorno – ha scritto la padrona di Diana su Facebook – Questa sordità istituzionale deve finire!”.



Il cane aveva 11 mesi ed era stato adottato da poco: nonostante il regolamento di polizia locale li vieti espressamente, le continue esplosioni di petardi, razzi e fuochi d’artificio hanno spaventato l’animale, che si è accasciato sotto gli occhi dei padroni. “Anche quest’anno sono rimasta a casa – ha scritto Paola, la padrona di Diana, su Facebook – ma non è bastato! Non possiamo aspettare le festività come una disgrazia!” L‘Associazione Tutela Animali e Protezione Civile (Ata) di Lecce ha denunciato il fatto: “Non ci battiamo per l’abolizione di questa ormai “becera” pratica di festeggiare l’arrivo del nuovo anno con botti e fuochi d’artificio per partito preso – dice Giuseppe Albanese, presidente dell’associazione – la morte di Diana ne è un esempio. A nostro avviso, non basta fare un’ordinanza per vietare i botti, che già sono vietati perché illegali, ma occorre varare una legge nazionale che abolisca definitivamente questa pratica, perché gli animali hanno il diritto a non morire a causa dei botti di Capodanno. Vietare non basta, occorrono controlli seri e sanzioni mirate”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, furto da 385mila euro a casa di un 28enne: rubati Rolex e lingotti d’oro

next
Articolo Successivo

Bergamo, 48enne muore di meningite: è il 4° caso di infezione in meno di un mese nei paesi sul lago d’Iseo

next