Per la prima volta dal 2013 in Germania a dicembre è cresciuta la disoccupazione. È quanto emerge dalle rilevazioni della Ba, Agenzia federale del lavoro, che parla di una generale debolezza dell’economia. Il numero dei senza lavoro è salito a 2 milioni e 227mila, 47mila in più rispetto a novembre e 18mila in più rispetto a dicembre 2018, risalendo così ai livelli del 2013. Il tasso di disoccupazione è cresciuto di 0,1 punti percentuali al 4,9%. Nell’ultimo mese del 2019 si sono persi 8mila posti di lavoro, il doppio rispetto a quelli previsti.

“Alla fine dell’anno il mercato del lavoro si mostra largamente stabile. Ma si possono vedere i segni di debolezza dell’economia”, commenta la Ba. A novembre, i disoccupati erano scesi a 2 milioni e 180mila unità, il livello più basso dal 1990, anno della riunificazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Patrimonio immobiliare, il rapporto del Mef: case di proprietà per 3 italiani su 4, cala il valore degli immobili quasi ovunque

next
Articolo Successivo

Borsa, Atlantia in spolvero dopo indiscrezioni su maxi-piano di investimenti. Le altre piazze europee deboli, beni rifugio ai massimi

next