Tre famiglie su quattro vivono in una casa di proprietà, e il valore complessivo del patrimonio abitativo supera i 6mila miliardi: lo rivela la settima edizione di ‘Gli Immobili in Italia’ la pubblicazione realizzata da Agenzia delle Entrate e dal Ministero Economia e Finanza, in collaborazione con Sogei, che fotografa il patrimonio immobiliare italiano.

I dati si riferiscono all’anno 2016 e sono stati ottenuti elaborati incrociando il Catasto Edilizio Urbano, le quotazioni dell’Osservatorio del Mercato Immobiliare, le dichiarazioni dei redditi, le banche dati dei versamenti delle Imposte sugli Immobili (IMU, TASI) e i dati del registro: in particolare, rivelano che quasi il 60% dei 57 milioni di immobili di proprietà di persone fisiche è usato come abitazione principale o pertinenza. Nel 2016 la superficie media di un’abitazione è pari a 117 metri quadri e il suo valore medio è di circa 162 mila euro (1.385 euro a metro quadro) in diminuzione dell’1,8% rispetto al 2015. Diminuisce quasi ovunque il valore delle case: i cali più significativi, superiori al 3%, si registrano nel Lazio, in Liguria e nelle Marche. In Toscana si perde in media il 2,9% mentre in Veneto e in Abruzzo la flessione è del 2,5%. Per tutte le restanti regioni, calo sotto il 2%. Due sole eccezioni: la Lombardia, in cui il valore delle case è rimasto stabile e il Trentino-Alto Adige, unica regione a segnare un aumento del valore medio degli immobili, con +0,8%.

Le dichiarazioni dei redditi mostrano anche che circa il 34,2% degli immobili – cioé 19,5 milioni di unità – sono abitazioni principali, a cui si somma un ulteriore 23,3% relativo a cantine, soffitte, box o posti auto, per un totale di circa 13,3 milioni di unità. Ipotizzando che a ogni abitazione corrisponda un nucleo familiare, risulta che il 75,2% delle famiglie risiede in abitazioni di proprietà. Per quanto riguarda la distribuzione per aree territoriali, al Sud sono utilizzate come abitazione principale il 53,5% del totale delle abitazioni delle persone fisiche, al Nord e al Centro la quota è più elevata, rispettivamente 56,8% e 58,5%.

Anche in questa edizione, il rapporto contiene un’analisi più dettagliata di alcune grandi città. Per quanto riguarda Roma, il valore complessivo delle abitazioni è pari a circa 460 miliardi. La superficie media di un’abitazione della capitale è di 103 metri quadri, con un valore medio di circa 323mila euro, superando i 740mila euro nelle zone centrali più pregiate. Per quanto riguarda Milano, invece, il valore complessivo delle abitazioni stimato per il 2016 è pari a circa 207,4 miliardi di euro, con una superficie media per abitazione di 88 metri quadri e un valore medio di 261 mila euro. A Napoli si registra un valore complessivo delle abitazioni di circa 104,5 miliardi di euro. La superficie media di un’abitazione è 102 metri quadri, e il valore medio 239 mila euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Monte dei Paschi di Siena, rinviato al 2020 il piano per vendere la quota del Tesoro. Che da due anni e mezzo è socio di maggioranza

next
Articolo Successivo

Germania, aumenta la disoccupazione per la prima volta in sei anni: “Mercato del lavoro stabile, ma segni di debolezza dell’economia”

next