Sono ripresi all’alba i lavori per abbattere gli alberi del campus Bassini del Politecnico di Milano. Il cantiere, dopo le proteste dei giorni scorsi, è stato protetto da un cordone delle forze dell’ordine. Al posto dell’area verde sorgerà un edificio che ospiterà il dipartimento di Chimica dell’Università. “Un vero e proprio blitz, con tanto di massiccio dispiegamento di forze dell’ordine. È in questo modo – scrive in una nota il M5s – che si è scelto di mettere fine alla vicenda legata all’abbattimento degli alberi di via Bassini. Lasciando inascoltate le voci di chi, fra professori, studenti e cittadini, da tempo si batte per preservare uno degli ultimi polmoni verdi superstiti in città“.

Su numerosi profili Facebook degli ambientalisti che si oppongono al taglio, e in particolare sulla pagina ‘Salviamo il parco del Campus Bassini del Politecnico di Milano’ circolano diversi video relativi ai lavori di questa mattina. “Dal cantiere – scrive Arianna Arzellino, docente e tra i leader degli attivisti – fanno sapere che gli ordini sono di spostarne una ventina e di abbattere tutti gli altri” alberi, che in totale sono 57.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima, caldo record in Norvegia: si toccano 19 gradi. A gennaio non era mai successo

next
Articolo Successivo

Dolomiti, ambientalisti pronti a chiedere ritiro della qualifica Unesco: “Montagne sfruttate. Province, Regioni e Fondazione responsabili”

next