Sono ripresi all’alba i lavori per abbattere gli alberi del campus Bassini del Politecnico di Milano. Il cantiere, dopo le proteste dei giorni scorsi, è stato protetto da un cordone delle forze dell’ordine. Al posto dell’area verde sorgerà un edificio che ospiterà il dipartimento di Chimica dell’Università. “Un vero e proprio blitz, con tanto di massiccio dispiegamento di forze dell’ordine. È in questo modo – scrive in una nota il M5s – che si è scelto di mettere fine alla vicenda legata all’abbattimento degli alberi di via Bassini. Lasciando inascoltate le voci di chi, fra professori, studenti e cittadini, da tempo si batte per preservare uno degli ultimi polmoni verdi superstiti in città“.

Su numerosi profili Facebook degli ambientalisti che si oppongono al taglio, e in particolare sulla pagina ‘Salviamo il parco del Campus Bassini del Politecnico di Milano’ circolano diversi video relativi ai lavori di questa mattina. “Dal cantiere – scrive Arianna Arzellino, docente e tra i leader degli attivisti – fanno sapere che gli ordini sono di spostarne una ventina e di abbattere tutti gli altri” alberi, che in totale sono 57.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Clima, caldo record in Norvegia: si toccano 19 gradi. A gennaio non era mai successo

next
Articolo Successivo

Dolomiti, ambientalisti pronti a chiedere ritiro della qualifica Unesco: “Montagne sfruttate. Province, Regioni e Fondazione responsabili”

next