Dicembre regala il segno positivo al consuntivo del mercato auto 2019: nell’ultimo mese dell’anno appena concluso, infatti, le immatricolazioni sono salite del 12,5% a quota 140 mila unità (rispetto alle 124 mila dello stesso mese del 2018). Ne risulta che, nell’intero anno, le immatricolazioni sono state 1.916.320, con un lieve incremento dello 0,3% rispetto al 2018, quando furono venduti 1.910.701 veicoli e si registrò un calo del 3,3% rispetto al 2017.

“In un contesto di forte, persistente incertezza economica e politica, interna e internazionale, e con l’introduzione nel 2020 dei nuovi limiti Europei alle emissioni di CO2 e relative, pesanti sanzioni – commenta in una nota ufficiale Michele Crisci, Presidente Unrae, l’Associazione delle Case automobilistiche estere – spicca la mancanza di strategia da parte della politica nazionale che supporti organicamente e ordinatamente la filiera automobilistica Italiana.

La speranza di Unrae è che, “dopo la lunga e inutile discussione politica sulla tassazione delle auto in uso promiscuo, il governo decida finalmente di convocare ed efficacemente attivare i tanto ”promessi” tavoli su domanda, offerta e infrastrutture. Con particolare urgenza – conclude Crisci – sono necessari interventi tesi a svecchiare il nostro parco circolante, tra i più anziani d’Europa con circa 1/3 delle autovetture rispondenti a direttive ante Euro 4 e quindi con più di 14 anni di età, pericolosi per l’ambiente e la salute dei cittadini. In questa direzione Unrae intende portare una serie di proposte concrete e coerenti, in un’ottica di medio termine, e in linea con le previsioni del Protocollo per la qualità dell’Aria”.

L’analisi del mercato suggerisce che il canale dei privati conta per quasi il 57% del totale, sostanzialmente in linea col 2018. Cresce del 6% il canale del noleggio (+4,4% quello a breve, +7,7% quello a lungo termine), che conta per il 24% del mercato contro il 22,6% del 2018. Scende del 6% il canale delle società, che vale il 19% dell’immatricolato; ne fanno parte le cosiddette auto a km-zero, ovvero le auto che i concessionari si intestano per centrare gli obiettivi di vendita: sono oltre 271 mila auto (in calo del 7,7%) sulle 370 mila totali intestate alle società.

Sul fronte delle alimentazioni si registra un calo a doppia cifra (-22%) delle immatricolazioni di vetture diesel, a quota 770 mila pezzi, dalle 990 mila del 2018, con una quota di mercato scesa dal 51% al 40%. Molto bene le auto a benzina, in crescita del 26%: da 679 mila a 853 mila auto, con una quota di mercato passata dal 35% al 44%. In ascesa (+9%) pure le gpl, 136 mila pezzi. Balzo in avanti deciso per le ibride, che toccano le 116 mila immatricolazioni e un +33%. Le elettriche? Fanno +110% passando da 5 a 10 mila registrazioni.

Le auto che piacciono di più agli italiani, infine, sono le utilitarie di segmento B e le medie di segmento C, che valgono rispettivamente 672 e 653 mila immatricolazioni, praticamente il doppio delle utilitarie di segmento A, 325 mila pezzi; che, però, crescono dell’8%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le colpe di Corso Francia

next
Articolo Successivo

Carlos Ghosn, conferenza stampa show dopo la fuga dal Giappone: “Non mi sono sottratto alla giustizia ma all’ingiustizia”

next