Partecipò al salvataggio dei ragazzi rimasti intrappolati nella grotta di Tham Luang insieme al loro allenatore a causa di un’inondazione causata dalle acqua alluvionali. Un salvataggio complesso, con operazioni di soccorso durate otto giorni. Ora, a distanza di un anno, uno dei Navy Seals che aiutò i ragazzi a uscire dalla grotta è morto a causa di un’infezione del sangue contratta durante le operazioni. Secondo quanto riporta Gulfnews online, che cita la Marina thailandese, la vittima è Beirut Pakbara, le cui condizioni di salute sono progressivamente peggiorate nell’ultimo anno fino alla morte avvenuta ieri. Già durante le operazioni di salvataggio un ex Navy Seal thailandese, Saman Gunan, morì per mancanza di ossigeno in un’immersione nella grotta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Va a sbattere contro un muretto a bordo della sua Lamborghini vestito da pupazzo di neve: illeso il calciatore inglese

next
Articolo Successivo

Ristoratore ammazza per strada otto cani con freccette tossiche: “Volevo preparare piatti caldi con la loro carne”

next