Era da poco passata la mezzanotte del 26 dicembre del 2004 quando un terremoto di magnitudo 9.1 colpì l’Oceano Indiano. Si trattò del quarto sisma più forte mai avvenuto nella storia della sismologia. Il terremoto causò una serie di gigantesche onde che colpirono soprattutto le coste dell’Indonesia, oltre a quelle di India, Sri Lanka, Thailandia, Birmania, Bangladesh fino a quelle a oltre 4mila chilometri dall’epicentro del sisma della Somalia e del Kenya. Gli tsunami causarono 230mila vittime (tra cui 40 italiani) e le immagini della devastazione fecero il giro del mondo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Filippine, tifone si abbatte su villaggi e aree turistiche a 200 km/h nel giorno di Natale: almeno 16 morti e migliaia di persone evacuate

next
Articolo Successivo

Russia, raid della polizia contro il leader dell’opposizione Alexei Navalny. Perquisita la fondazione Anticorruzione

next