In migliaia stamattina hanno invaso le strade di Vibo Valentia per il corteo organizzato da Libera per esprimere “vicinanza e gratitudine” ai carabinieri per l’operazione “Rinascita-Scott” contro la cosca Mancuso. Un corteo che si è concluso davanti al comando provinciale di Vibo, quartier generale dell’inchiesta coordinata dal procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, e dai magistrati della Dda. Un lungo applauso, che è stato più toccante di mille parole, e un “grazie” ai carabinieri urlato non solo dai rappresentati di Libera e da alcuni sindaci del comprensorio vibonese ma soprattutto dai cittadini.

Un segnale importante all’indomani dei 334 arresti di mafiosi, politici e professionisti che tenevano sotto scacco Vibo e provincia. Un messaggio di speranza in un territorio dove i Mancuso controllano anche l’aria che respirano i cittadini. Qualcuno, all’indomani della maxi-operazione aveva fatto arrivare al comando dei carabinieri una stella di Natale con un bigliettino in cui c’era scritto: “La Calabria degli onesti vi sarà sempre grata”. Oggi in tantissimi ci hanno messo la faccia in un abbraccio ideale con i militati dell’Arma e tutti gli uomini che hanno contribuito a ripulire un pezzo importante della Calabria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Padova, scuote troppo forte il figlio di 5 mesi: bimbo in coma. “Possibile morte cerebrale”

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, i residenti mostrano il cantiere: “Lavori per il nuovo viadotto avanti giorno e notte. Timori? Che l’area venga abbandonata”

next